Quotidiano Nazionale logo
19 feb 2022

Droga e coltello nel sellino A casa il kit del pusher

Disoccupato, 19 anni, è stato fermato mentre girava su un motorino rubato. Aveva con sé 80 grammi di hascisc, dai cassetti ne sono usciti altri 40

barbara calderola
Cronaca
Il giovane pusher disoccupato aveva 120 dosi da vendere
Il giovane pusher disoccupato aveva 120 dosi da vendere
Il giovane pusher disoccupato aveva 120 dosi da vendere

di Barbara Calderola Girava su un motorino rubato, con un coltello di dieci centimetri nascosto sotto la sella e con un pacchetto di hascisc da 80 grammi. Qualunque fosse la sua meta, però, non l’ha mai raggiunta. Il disoccupato di 19 anni alla guida dello scooter è stato fermato, durante un controllo di routine, dai carabinieri della stazione di Vimercate. I militari lo individuano intorno alle 20, lungo le strade di Oreno. All’alt, il giovane si blocca. Ma ha paura: si vede che è nervoso, che vorrebbe accelerare le operazioni e andarsene. È questo a fare scattare l’interesse degli uomini dell’Arma, che hanno sviluppato l’occhio clinico per le situazioni anomale. E comincia così una verifica più approfondita. La perquisizione del ragazzo e del ciclomotore danno subito risultati. Nel vano interno spunta il pacchetto di hascisc, ma anche la lama. Dalla tasca, invece, escono 60 euro in contanti che per i carabinieri sono evidentemente l’incasso delle attività di pusher con cui il diciannovenne senza lavoro arrotondava. A metterlo nei guai, anche il mezzo su cui viaggiava: una rapida verifica nella banca dati ha infatti svelato che il motorino era stato razziato poche ore prima, vicino al parco Sottocasa, nel centro della città. E così lo scooter è stato riconsegnato subito al proprietario, che aveva sporto denuncia, mentre sono scattati i controlli anche nella casa dove il diciannovenne vive. E dai cassetti sono usciti altri 40 grammi di hascisc, altri 180 euro in contanti e tutto il kit del perfetto spacciatore: bilancino elettronico per tagliare le dosi e tutto quello che serviva per confezionarle, cellophane e attrezzi del mestiere, in casa c’era un laboratorio ben organizzato. Complessivamente 120 dosi da vendere. Il disoccupato, a quel punto, si è trovato con le manette e un’accusa di detenzione di droga al fine di spaccio, porto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?