Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

Donazioni e trapianti 160mila hanno detto sì

I brianzoli che hanno dichiarato la propria volontà agli uffici anagrafe. Gli iscritti ai venti gruppi comunali e intercomunali sono quasi 40mila

marco galvani
Cronaca
L’attività è coordinata da Giuseppe Citerio, primario della Neurorianimazione
L’attività è coordinata da Giuseppe Citerio, primario della Neurorianimazione
L’attività è coordinata da Giuseppe Citerio, primario della Neurorianimazione

di Marco Galvani

In quattro anni, dal 2018 al 2021, con in mezzo la pandemia, al San Gerardo sono stati prelevati e trapiantati 175 organi (85 reni, 27 polmoni, 6 cuori, 46 fegati e 11 pancreas) e 452 cornee. L’attività – coordinata da Giuseppe Citerio, primario della Neurorianimazione della Asst di Monza – si inserisce nella rete trapiantologica del Servizio sanitario nazionale, che soltanto lo scorso anno ha realizzato quasi 3.800 trapianti, riuscendo addirittura - prima al mondo – a utilizzare organi di pazienti positivi al Covid.

Attualmente sono circa 8.500 le persone che in Italia stanno aspettando un trapianto. E oggi, in occasione della XXV Giornata nazionale per la donazione e il trapianto di organi e tessuti a cui aderiscono l’Associazione dei Comuni italiani, il ministero della Salute e il Centro nazionale trapianti, anche dal San Gerardo parte la campagna "Donare è una scelta naturale - Dichiara il tuo Sì in Comune". Perché "l’impegno dei medici, degli infermieri e del personale sanitario da solo non basta: un trapianto, prima di tutto, ha bisogno di qualcuno che abbia scelto di donare i propri organi".

Al centro della campagna di sensibilizzazione e informazione c’è proprio il tema della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio della carta d’identità in Comune, modalità che rappresenta oggi il principale canale con cui i cittadini esprimono il loro volere sulla donazione post-mortem.

Nel 2021 sono state registrate nel Sistema informativo trapianti più di 3 milioni di dichiarazioni, di cui poco meno del 70% sono stati consensi alla donazione. Diventare donatori è molto facile: oltre a registrare il proprio consenso all’anagrafe del proprio Comune, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, ogni cittadino ha altre due possibilità, online e offline. Nel primo caso è sufficiente accedere a internet, andare sul sito www.sceglididonare.it e registrarsi con lo SPID attraverso l’Aido (Associazione italiana donatori di organi). In alternativa, se non si possiede un’identità digitale, si può compilare e stampare il tesserino del donatore e conservarlo tra i propri documenti, magari comunicandolo ai propri familiari.

Ad oggi gli iscritti ai venti gruppi comunali e inter-comunali della Brianza sono 39.973 (a cui si aggiungono 3.912 soci che abitano in altre province) e complessivamente sono 159.219 i brianzoli che hanno dichiarato la propria volontà alla donazione di organi agli uffici anagrafe dei 55 Comuni della provincia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?