Quotidiano Nazionale logo
7 mag 2022

Da Lucio Fontana al Gruppo T Gli anni Sessanta al Binario 7

Cinquanta opere degli artisti che hanno portato Milano al centro della scena creativa internazionale

cristina bertolini
Cronaca
La mostra “1962-2022. A sessanta dai Sessanta” è aperta fino al 3 luglio
La mostra “1962-2022. A sessanta dai Sessanta” è aperta fino al 3 luglio
La mostra “1962-2022. A sessanta dai Sessanta” è aperta fino al 3 luglio

di Cristina Bertolini

Il progetto BinarioArte giunge alla sua prima mostra storica: “1962-2022. A sessanta dai Sessanta“, un’esposizione ambiziosa, in collaborazione con Heart-Pulsazioni culturali e Ponte 43, con la partecipazione del Museo della Permanente di Milano e di alcuni archivi d’artista che hanno concesso le opere.

È innanzitutto il racconto di dieci anni straordinari, che hanno visto Milano e il quartiere di Brera prendere il ruolo da protagonista della scena culturale internazionale. "Il racconto – sottolineano i curatori Simona Bartolena e Armando Fettolini – comincia con il grande padre Lucio Fontana, che tratta la tela non più come superficie, ma come materia, e si dipana poi nei vari movimenti, gruppi e personalità che hanno caratterizzato l’arte a Milano e dintorni in quel decennio, dal Realismo esistenziale all’esperienza di Azimuth, dal gruppo del Cenobio alle sperimentazioni del Gruppo T, fino alle soglie del nuovo decennio". Una parentesi è dedicata alle Botteghe di Sesto, sede di tanti artisti. In mostra oltre 50 opere fra Lucio Fontana, Enrico Baj, Fausto Melotti, Luigi Veronesi, Mario Nigro, Antonio Calderara, Valentino Vago, Mino Ceretti, Bepi Romagnoni, Tino Vaglieri, Giuseppe Guerreschi, Floriano Bodini, Paolo Schiavocampo, Piero Manzoni, Enrico Castellani, Agostino Bonalumi, Turi Simeti, Dadamaino, Gianni Secomandi, Bruno Munari, Gianni Colombo, Grazia Varisco, Davide Boriani,Enzo Mari, Getulio Alviani, Antonio Scaccabarozzi, Jorrit Tornquist, Angelo Dozio, Arturo Vermi, Agostino Ferrari, Angelo Verga, Ettore Sordini, Ugo La Pietra, Lino Marzulli, Marco Carnà, Mimmo Rotella, Valerio Adami, Lucio del Pezzo.

Sarà esposto un inedito libro con opere autografe e originali realizzato per il custode dello stabile dagli artisti residenti nell’area delle Botteghe (da Castellani a Vermi, da Simeti a Scaccabarozzi). Apertura fino al 3 luglio, martedì, mercoledì e giovedì dalle 15 alle 18, venerdì e sabato dalle 15 alle 21, domenica dalle 15 alle 18. Biglietto intero 7 euro, promo 3 per abbonati Teatro Binario 7 e per chi acquista uno spettacolo in scena al Binario 7 nel mese di maggio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?