SANDRO PUGLIESE
Olimpia

Olimpia Milano, successo contro l'Olympiacos in Eurolega nella notte di Datome

La "Datome Night" celebra il ritiro del grande campione, poi l'Olimpia batte i rivali greci per 65-53 con una grande difesa

EA7 Emporio Armani Olimpia Milano - Olympiacos Piraeus

EA7 Emporio Armani Olimpia Milano - Olympiacos Piraeus

MILANO - Prestazione concreta, magari non spettacolare, ma certamente vincente. Così l'Olimpia Milano inaugura la sua stagione europea al Forum di Assago superando l'Olympiacos Pireo per 65-53.

Un ottimo segnale quello di aver battuto i vice-campioni d'Europa in carica, dopo essere arrivati ad un passo dal colpaccio a Istanbul. Questa Milano ha le carte in regola per provare a pensare in grande in campo continentale, a maggiore se difende in modo perfetto. Lo fa anche grazie alle sue stelle Nikola Mirotic e Shavon Shields che la trascinano per mano sin dall'inizio giocando spesso e volentieri insieme da esterni in un "quintettone" che presenta anche Voigtmann e Melli. Il montenegrino ne firma 20 (5/9 da 2, 3/7 da 3) compresa la tripla che spacca la partita nel finale, mentre l'ala americana n realizza 12 con 4/5 da 2. Un altro segnale decisamente incoraggiante è quello che arriva da Kevin Pangos, autore di 16 punti con 3/5 dall'arco dei 3 punti.

La partenza di Milano è stata subito marchiata a fuoco dalla coppia Mirotic-Shields autori dei primi 17 punti della squadra biancorossa. Al 10' Milano è avanti 19-17, poi il punteggio si abbassa vertiginosamente e gli ospiti scavalcano nel finale sul 29-32, prima che i liberi di Shields permettano all'EA7 di chiudere ad un passo (31-32). A inizio ripresa è il momento di Pangos con 5 punti filati per il nuovo vantaggio milanese sul 40-37, ma l'Olympiacos proprio nei primi minuti del quarto periodo mette la freccia di nuovo con Fall sul 44-45. È di nuovo Pangos-time, prima una tripla, poi un assist per Mirotic e l'Olimpia scappa via sul 51-45 al 34'. L'Armani non si gira più indietro, prima Voigtmann, poi Mirotic (e un libero di Flaccadori) chiudono i giochi scollinando per la prima volta la doppia cifra di vantaggio sul 57-47 al 39'.

Quella di ieri, però, è stata anche la serata di Gigi Datome, acclamato dal pubblico per celebrare il suo ritiro dal parquet. Un momento toccante prima dell'inizio della partita con tutti i 10.000 del Forum ad indossare una maschera con il suo volto e tutti gli ex compagni con la sopramaglia numero 70 in suo onore. L'ultimo MVP delle finali di Serie A è stato inserito nella Hall of Fame dell'Olimpia e insieme a lui, proprio nella serata, sono stati presentati altri 6 biancorossi che sono entrati nella storia del club: Mason Rocca, Keith Langford, Curtis Jerrells, Krunoslav Simon, Rakim Sanders e Vlado Micov

Neanche il tempo di pensare al risultato di ieri che l'Olimpia oggi sarà già in viaggio per Madrid dove domani alle ore 20.30 proverà a dare l'assalto ai campioni d'Europa in carica del Real ritrovando anche l'amato ex Sergio Rodriguez. Poi la settimana di fuoco si concluderà domenica sul campo di Tortona in campionato.

Il tabellino 

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO-OLYMPIACOS PIREO 65-53 19-17; 31-32; 44-41

MILANO: Poythress, Pangos 16, Tonut, Melli 3, Kamagate 2, Ricci ne, Flaccadori 6, Hall 2, Shields 12, Mirotic 20, Hines, Voigtmann 4. All. Messina OLYMPIACOS: Walkup 11, Canaan 3, Lountzis 4, Larentzakis 2, Papas 2, Fall 2, Papanikolau 4, Bradzdeikis 6, Peters 4, Milutinov 15, Sikma, Tanoulis. All. Bartzokas Note: tiri da 2: MI 16/27, OP 14/34; tiri da 3: MI 8/24, OP 5/19; tiri liberi: MI 9/11, OP 10/12; rimbalzi: MI 29 (Mirotic 4), OP 31 (Walkup 6): assist: MI 14 (Voigtmann 6), OP 12 (Walkup 4)

Continua a leggere tutte le notizie di sport su