SANDRO PUGLIESE
Olimpia

Finale scudetto, Milano vince gara 1 al supplementare e ribalta il fattore campo

Dopo un primo tempo scialbo, l’Olimpia cambia passo e si impone 86-75 sul parquet della Virtus Bologna. Bene Napier, decisivo Shields con 25 punti

Shavon Shields in azione

Shavon Shields in azione

Bologna - Spariglia subito la serie di finale scudetto l'Olimpia Milano che vince sul campo avverso la prima partita contro la Virtus Bologna per 75-86. Ci vuole un supplementare ai milanesi per avere ragione dei felsinei, ma il successo è opera soprattutto di una grande ripresa, dopo un primo tempo scialbo.

Era da Gara 1 della finali del 2022 che il campo felsineo non era stato più violato dai biancorossi, ora invece l'Armani ha vinto 75-86. Per l'Armani i 21 punti di Napier, unico a dare continuità per 45 minuti alla sua partita, ma l'eroe poi diventa Shields che prende in mano la squadra nel supplementare e chiude con 25 punti.

La partenza bolognese è lanciata con Shengelia che produce il 13-6 iniziale con 7 punti realizzati subito, poi Milano inizia ad accendersi con Napier e Hall (18-14), ma la Virtus rimane padrona del match. Infatti l'inizio del secondo quarto è ancora di marca bolognese con le bombe di Abass e Shengelia che lanciano i bianconeri avanti 25-14. Il ritmo per i milanesi è davvero molto basso tanto che al 17' sono solo 19 i punti realizzati, poi l'EA7 avanza solo con i tiri liberi e all'intervallo Milano ha la misera cifra di 25 punti segnati (contro i 33 della Virtus) con un impresentabile 8/29 al tiro dal campo.

La ripresa del gioco invece è di Napier che piazza subito 5 punti accendendo il match (33-30 al 21'), poi Hall impatta a quota 36 al 25' e Shields sorpassa con una tripla 36-39. Il break è di 3-16 (36-41), ma è un clamoroso gioco da 4 punti di Belinelli a ridare ossigeno alla V nera (42-43). La gara ha cambiato padrone, ora è l'Olimpia ad averla in mano con 5 triple segnate nel solo terzo quarto dopo la singola di tutto il primo tempo. Con la bomba sulla sirena di Shields per il 48-54 del 30' i milanesi segnano 29 punti nel periodo da 10 minuti dopo i soli 25 di tutto il primo tempo.

E' ancora con le triple che Milano prova a costruire la sua ripresa, arrivano quelle di Napier e Hall per il 55-60, ma la Virtus non molla e con Hackett e Shengelia rimane ad un passo (59-61 al 35') fino a sorpassare quando Lundberg in lunetta trasforma 3 liberi consecutivi (62-61 al 36'). E' Cordinier a diventare l'incubo per la difesa di Milano, il francese attacca il ferro ed è incontenibile, così la Segafredo arriva avanti 66-65 al 38' e poi allunga ancora con lui 68-65 a -37".Napier impatta un attimo dopo (68-68 a -33") e si va all'overtime.

L'EA7 inizia fortissimo lo show di Shields che si mette in tasca la partita, realizza tre bombe consecutive e chiude tutti i conti già sul 70-79 del 43'. Nel finale Hall sigilla il successo (73-86) con il piccolo record di essere la prima squadra a vincere un supplementare in trasferta nella storia delle finali scudetto. Sabato il secondo appuntamento sempre sul campo di Bologna dove Milano proverà di nuovo ad essere corsara.

SEGAFREDO BOLOGNA-EA7 EMPORIO ARMANI MILANO 75-86 (19-14, 33-25; 48-54, 68-68) BOLOGNA: Cordinier 14, Lundberg 10, Belinelli 14, Pajola 7, Dobric, Mascolo ne, Shengelia 16, Hackett 3, Polonara, Zizic 8, Dunston, Abass 3. All. Banchi MILANO: Bortolani ne, Tonut 2, Melli 8, Napier 21, Ricci, Flaccadori, Hall 18, Caruso ne, Shields 25, Mirotic 7, Hines 5, Voigtmann. All. Messina Note: tiri da 2: BO 16/34, MI 15/41; tiri da 3: BO 9/33, MI 13/27; tiri liberi: BO 16/23, MI 17/22; rimbalzi: BO 41 (Cordinier 8), MI 45 (Mirotic 8); assist: BO 17 (Lundberg 5), MI 7 (Shields 3)

Continua a leggere tutte le notizie di sport su