Milano, 20 giugno 2018 - Tutto è pronto per il ritorno di I-Days, dal 21 al 24 giugno: dopo le 200mila presenze al parco di Monza nel 2017, quest'anno il festival approda al Parco Experience, l'ex area Expo tra Milano e Rho. In programma quattro giornate a trazione rock con forti sentori anni '90, ma con diverse incursioni pop e una combinazione di stelle ed emergenti: gli artisti si alterneranno sul monumentale palco alto 20 metri e largo 25, con due schermi 8x6 montati ai lati e altrettanti sulle torri di ripetizione tra il pubblico.

Domani suoneranno gli americani The Killers mentre con Liam Gallagher e Richard Ashcroft si prevede un'immersione britpop; in apertura, Slydigs (inizio, ore 16:45). Venerdì 22 è il giorno dei Pearl Jam che, nonostante i problemi alla voce di Eddie Vedder resi noti nei giorni scorsi, hanno confermato la loro presenza a Milano per coronare una giornata elettrica: in scaletta i gallesi Stereophonics, già ospiti di I-Days 2016; i loro connazionali Catfish & The Bottlemen; gli americani The Last Internationale del batterista dei Rage Against The Machine, Brad Wilk; il synth-pop dei losangelini Lany; Omar Pedrini (inizio ore 15). Fitto anche il programma di sabato 23, che avrà come headliner Noel Gallagher con i suoi High Flying Birds, al quale seguirà nella notte l'elettronica di Paul Kalkbrenner, anch'egli di ritorno agli I-Days; di spicco anche la presenza dei Placebo e di un gruppo di culto dello shoegaze inglese come i Ride; completano il londinese Isaac Gracie e l'italiana Joan Thiele, fresca dell'album 'Tango' (inizio ore 16:40). Il volume si alza domenica 24, con lo stoner dei Queens of The Stone Age e il punk-rock californiano degli Offspring, preceduti dall'alternative di Wolf Alice e CRX (inizio, ore 17:30).

Tra i servizi presenti un'area kids, un'area market e alcune attività come lo yoga. Per I-Days si applicano le norme di tutti i grandi raduni musicali, con relativi oggetti vietati e i controlli di borse e zaini (consentiti solo entro 15 litri): la sicurezza è affidata a 500 addetti, ai quali si aggiungono altre 1.200 persone. L'area concerti, nel lembo est dell'Area Expo, è uno spazio di 200mila metri quadrati dalla capienza di 80mila persone. L'accesso avverrà dall'ingresso Ovest Triulza, al quale si potrà arrivare con i propri mezzi (parcheggi non gestiti dall'organizzazione), con Eventi in Bus, o usando le adiacenti stazioni di Trenord e metropolitana: il servizio della M1 sarà potenziato per il ritorno, con ultima corsa all'una o più tardi a seconda del programma.