Quotidiano Nazionale logo
14 mar 2022

Cannabis libera, "sì" del Consiglio comunale. La Lega: test anti-droga sugli eletti

Il centrosinistra vota un ordine del giorno a favore della legalizzazione. De Chirico (FI) favorevole. No del Carroccio, che rilancia

massimiliano mingoia
Politica
epa09519990 Cilo Cybin CEO Gabriel Theron looks at some of the flowering cannabis plants at the companies growing and processing facility near Pretoria, South Africa, 12 October 2021. Cilo Cybin are South Africa’s only company with a licence to grow, process, and package license for cannabis products and has moved its deadline for listing on the JSE (Johannesburg Stock Exchange) forward in the hopes of having products on the shelves in December 2021. It will be the only producer of cannabis in South Africa to list on the stock exchange.  EPA/KIM LUDBROOK
Cannabis

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Ventisei voti a favore, dieci contrari e due astenuti. Il Consiglio comunale dice "sì" alla legalizzazione della cannabis. O meglio, l’assemblea di Palazzo Marino, con un ordine del giorno approvato ieri pomeriggio e che vede come primo firmatario il capogruppo del Pd Filippo Barberis, chiede "al sindaco Giuseppe Sala e alla Giunta di attivarsi con il Parlamento e in tutte le sedi opportune per sostenere la necessità di approvare un disegno di legge sulla legalizzazione della produzione e del consumo di cannabis e suoi derivati".

Sì, perché i consiglieri del centrosinistra sostengono che la legalizzazione porterebbe "diversi benefici economici e sociali", da "un danno molto importante all’economia mafiosa" a "un incremento del Pil" fino a "un’importante riduzione della popolazione carceraria".

La polemica non manca. Il centrodestra si schiera contro la legalizzazione della cannabis. Con un’eccezione, il capogruppo di FI Alessandro De Chirico: "Sono a favore della proposta contenuta nell’odg. Per sconfiggere la malavita e le mafie bisogna far emergere il consumo di queste sostanze. Anche perché da parte della forze dell’ordine c’è già tolleranza quando scoprono piccoli quantitativi di cannabis non legati allo spaccio". Di parere diametralmente opposto Alessandro Verri e Deborah Giovanati, capogruppo e vicecapogruppo della Lega, che non solo votano contro, ma rilanciano con un altro odg che contiene questa proposta: "I consiglieri comunali diano il buon esempio: vogliono liberalizzare l’uso della cannabis, si sottopongano al test antidroga. Apriamo la discussione in modo sereno, senza fraintendimenti".

La replica, in aula, del consigliere del Pd Daniele Nahum non si fa attendere: "Per disobbedienza civile mi fumerò una canna davanti a Palazzo Marino e poi cederò una ciocca di capelli a Giovanati della Lega". Tant’è. Il capogruppo di FdI Riccardo Truppo, intanto, schiera il suo gruppo nel fronte del no: "La differenziazione tra droghe leggere e pesanti non sussiste. Ormai sappiamo che gli effetti del Thc sono imponderabili, può averne di diversi tra fisico e fisico. Legalizzare qualcosa di cui non abbiamo esatta contezza è impensabile. La lotta alla criminalità organizzata? Non la si può fare a detrimento della salute delle persone. Diverso, invece, è l’uso a fini curativi o lenitivi di queste sostanze". Sul tema interviene l’ex candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo: "Sono contrario alla legalizzazione della cannabis. Un’opinione basata sulla mia esperienza di medico sugli adolescenti e su lavori scientifici che dimostrano i danni da cannabis sui giovani. Le droghe sono tutte uguali, non leggere o pesanti".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?