LUCA TAVECCHIO
Economia

Case Milano, 2022 da record: boom per le periferie, vola il Forlanini

Prezzi tornati a valori pre covid: il valore medio al metro quadro sfiora i 5mila euro. In grande crescita alcune zone oltre la circonvallazione come Famagosta-Barona e Greco-Turro. Aumenti da primato anche per gli affitti

Il 2022 è stato un anno record per il settore immobiliare a Milano

Il 2022 è stato un anno record per il settore immobiliare a Milano

Milano - Quello che si sta per chiudere è stato un anno record per il settore immobiliare a Milano. Sia per quanto riguarda le compravendite si per quanto riguarda gli affitti. Il 2022 si chiude infatti con valori al metro quadro da primato. Il prezzo medio in città è infatti di 4.965 euro al metro quadro, con un incremento del 7,6% rispetto al dicembre 2021; mentre per quanto riguarda gli affitti il prezzo è di 20,7 euro al metro quadro, con una crescita rispetto all'anno scorso del 10,5%.

Boom immobiliare

Il 2022 si chiude con il settore immobiliare in forte espansione. La tendenza del valore al metro quadro infatti è in continua crescita, con una variazione mensile del 1,5% e trimestrale del 2%. Ma è il confronto sul lungo periodo che fa davvero impressione. Se si considerano gli ultimi 10 anni infatti il prezzo al metro quadro è cresciuto del 40,3%: nel giugno 2012 un metro quadrato in città valeva 3.538 euro, a dicembre di quest'anno, come detto, il valore è cresciuto fino a 4.965 euro. La vera impennata si è registrata negli ultimi 4 anni: dopo la stagnazione tra il 2012 e il 2018 (nell'ottobre 2018 la cifra era ancora 3.428 euro al metro quadro), il prezzo ha cominciato a galoppare. E non si è più fermato, arrivando a sfiorare i 5.000 euro al metro quadrato. Valore che è destinato a essere superato nel 2023. 

Affitti a livelli pre Covid

La fame di case a Milano, con i prezzi per l'acquisto che corrono incontrollati, ha fatto esplodere anche il mercato degli affitti. Il valore medio al metro quadro in città è di 20,7 euro (significa che per un bilocale di 60 metri si spendo mediamente circa 1.300 euro, spese escluse), con una variazione monstre del 10.5% rispetto al 2021. I prezzi sono in sostanza tornati ai livelli pre Covid, eguagliando il record storico del maggio 2020 quando si arrivò a 20,8 euro al metro quadro.

Quartieri: decolla il Forlanini

La crescita del settore è generalizzata per tutta la città ma, naturalmente, molto marcate sono le differenze tra i quartieri, anche se praticamente tutti hanno segnato valori da massimo storico. Così, se il Centro storico è arrivato solo a sfiorare il record del maggio 2020 attestandosi sui 9.395 euro al metro quadro, alcune zone periferiche segnano grandi exploit: il primato spetta al quartiere Forlanini che, trascinato dalla "rivoluzione M4", fa segnare un +20,3% rispetto all'anno scorso, arrivando a 4.378 euro al metro quadro. Dietro al Forlanini si piazzano Famagosta-Barona + 14,7% (il prezzo attuale è 3.926 €/m2), Greco-Turro +11,5% (4.237 €/m2), Certosa +11,4% (3.684 €/m2), Città Studi-Lambrate +10,3 (4.541 €/m2) e Lorenteggio Bande Nere +9,2% (4.355 €/m2). Unico quartiere che perde terreno è Trenno-San Siro che segna, su base annua -9,9% (3.713 €/m2).  

Stesso discorso per gli affitti. Con le periferie in grande crescita. Guida la classifica ancora Forlanini + 15,7% (18,2 €/m2), seguito da Corvetto-Rogoredo + 13,3 (17 €/m2), Città Studi-Lambrate +12,5 (18,4 €/m2), Comasina-Bicocca +12,4% (18 €/m2), Greco-Turro +12,1% (18,5 €/m2). Da segnalare anche la grande crescita del Centro storico, con un +13,1 % che porta il valore al metro quadro a 29,8 euro al metro quadro, a un soffio dal record storico dell'otttobre 2020 (30 €/m2).

    

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro