Giovani
Giovani

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Dalla “carta d’identità” di Milano nel 2020 alle sfide della ricostruzione e del “tempo della cura“: questo il focus del Rapporto sulla Città Ambrosianeum 2021 presentato ieri mattina. "I bambini in età da nido, tra 0 e 3 anni (4,1%) sono la metà degli ultraottantenni (8,1%), i teenager (17,1%) poco più della metà dei cittadini sopra i 60 anni (28,2%) – fotografa nel saggio Elena Granata –. Il milanese-tipo è un uomo o una donna adulto tra i 30-54 anni (37%), single, con una buona posizione lavorativa". Sotto la lente, in tempi di pandemia, finisce il lavoro e “La forza della città fragile” inquadrata da Rosangela Lodigiani, curatrice del rapporto: "Il tasso di occupazione (15-64 anni) è calato a Milano di -1,9 punti percentuali (dal 59% del 2019 al 58,1% del 2020), più che in Lombardia (-1,5) e che nella media italiana (0,9)". Paradossalmente cala anche il tasso di disoccupazione - di 0,2 punti percentuali (anche per via di quel blocco dei licenziamenti, che ora viene meno) - ma spicca il dato sull’aumento dell’inattività: tra il 2019 e il 2020 le persone senza lavoro che hanno alzato bandiera bianca, rinunciando anche a cercare un impiego, sale di 2,2 punti percentuali (2,4 tra i maschi e 1,7 tra le femmine) e la situazione si fa più “pesante“ fra i giovani maschi: +6,6 tra i 18-29enni, +3,9 tra i maschi che hanno tra i 25 e i 34 anni e +3,3 tra le coetanee. "Giovani scoraggiati": l’ardua sentenza.

Altro elemento da tenere presente nella città che cambia è lo smart working: "Superata la pandemia – stima Gabriele Pasqui nel rapporto – l’utilizzo del lavoro da remoto sarà ben più diffuso e coinvolgerà il 75% delle realtà industriali e dei servizi alle imprese a Milano città (contro un 43% precedente) e il 54% nell’hinterland (contro il 20%)". Partendo dalla fotografia di Milano, sviluppata per macrotematiche e nei dettagli dei diversi aspetti che caratterizzano la città, hanno cercato di far sintesi e di dare indicazioni di prospettiva Marco Garzonio, presidente di Ambrosianeum Fondazione Culturale, il rettore dell’università Statale Elio Franzini e Floriana Cerniglia, economista della Cattolica. "Evitiamo ove possibile l’enfasi della ripartenza – ha sottolineato Franzini – riprendere sarà lungo, difficile, impegnativo. Avremo bisogno di una rieducazione al nostro sentire quotidiano. E dobbiamo superare il grande pericolo: costruire uomini blasé, indifferenti alla realtà che abitano, che passeggiano nella città e non ne colgono le contraddizioni". Il rischio è avere una città che corre a due velocità: "Milano si può proporre come città-laboratorio – ha ricordato Lodigiani – capace di avere cura del mondo, di guardare al di là di sé, ma avendo cura del proprio territorio, partendo da un’identità ritrovata".

«Milano per merito o demeriti altrui ha funzionato meglio di altre città dopo la crisi del 2008-2009, perché ha eccellenze, le università milanesi sono tra le migliori, produce brevetti e innovazione – ha concluso Floriana Cerniglia, professoressa di Economia politica – ma occorre stare molto attenti al mito delle global cities e la pandemia ci ha insegnato che Milano è forte se è forte tutto il Paese".