Sfera Ebbasta e Charlie  Charles
Sfera Ebbasta e Charlie Charles

Milano, 21 novembre 2015 - Struttura ritmica sincopata e suoni aggressivi. Rime che si snodano su bassi profondi e tastiere. Se i giovanissimi Sfera Ebbasta e Charlie Charles hanno un merito, è sicuramente quello di aver spalancato le porte alla musica trap in Italia. Non a caso, a un anno dall’uscita del loro album “XDVR” (Per Davvero), il rapper di Cinisello Balsamo e il produttore di Settimo Milanese si sono già procurati la fama di “Kings della trap music”. A puntare gli occhi su di loro il rapper Marracash che recentemente li ha arruolati in “Roccia Music”, il collettivo artistico rap fondato nel 2013 insieme a Shablo. Questa sera i due si esibiranno al Lime Light di Milano in uno show che sarà anche l’occasione per celebrare la versione reloaded di “XDVR” che uscirà lunedì prossimo.

Cosa ci aspetta questa sera?
«Sicuramente un grande show. Dal punto di vista musicale sarà un live inedito. Fra gli ospiti ci saranno i rapper Ghali, Izi e Duate ma porteremo con noi molti altri amici».
 

A ottobre avete aperto il concerto dedicato al rap a Expo…
«Suonare insieme a Marracash, Gue Pequeno ed Emis Killa è stata un’esperienza unica ma quella si stasera sarà un’occasione importante per metterci alla prova in un contesto diverso, unico».

Com’è nata l’idea di realizzare una nuova versione di XDVR?
«Il progetto era nell’aria fin dal nostro primo incontro con Marracash. Si tratta della prima collaborazione effettiva con lui proprio in occasione della ristampa del disco. Oltretutto XDVR uscì lo scorso 20 novembre e, a un anno esatto, abbiano deciso di proporne una versione reloaded arricchita di 3 bonus track inedite».

Cosa significa far parte di Roccia Music?
«É una grossa soddisfazione. Questa label è quella che più di tutte rappresenta la filosofia con cui, secondo noi, debba essere fatto il rap in Italia».
 

Vi siete fatti promotori di un genere nuovo…
«È già da 6-7 anni che suoniamo musica trap. Da molto prima che uscisse il disco. In tempi in cui fare questo genere sembrava infattibile ma non ci siamo mai demoralizzati di fronte alle tante porte chiuse in faccia».
Stasera al Lime Light di via Castelbarco, alle 21.