Quotidiano Nazionale logo
21 mar 2022

Via Melchiorre Gioia, chiusura al traffico nei weekend

Convenzione Comune-Coima: prevista un’area pedonale e verde più estesa e lo stop alle auto in un tratto di strada. Lavori nel 2024

massimiliano mingoia
Cronaca
Lucidi - MILANO SKYLINE CITY LIFE, UNICREDIT, REGIONE LOMBARDIA, GRATTACIELI
Lo skyline di Citylife

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Manfredi Catella, amministratore delegato di Coima Sgr, l’ha ripetuto più volte nel corso degli ultimi anni: il suo obiettivo è rendere più verde e più pedonale l’area che da Porta Nuova passa per la Biblioteca degli Alberi, va oltre via Melchiorre Gioia e arriva fino a piazza Einaudi. La convenzione quinquennale appena sottoscritta da Comune e Coima va in questa direzione: più alberi, più pedoni, meno auto.

Il primo intervento previsto, da definire meglio con un progetto vero e proprio, è suggestivo perché mostra una via Melchiorre Gioia più verde con aree alberate diffuse e con un’ipotizzata chiusura al traffico nei weekend di almeno un tratto della strada. Nella nota del Comune, infatti, si parla di "estensione del Parco Biblioteca degli Alberi nella porzione di piazza Einaudi, che si trova al di là di via Melchiorre Gioia. Sono allo studio una risistemazione di via Gioia nel tratto che separa le due parti del Parco in modo da permetterne la connessione anche mediante un’ipotesi di predisposizione di viabilità lenta e mista (in coerenza con una possibile chiusura temporanea al traffico, ad esempio durante i weekend), la ripavimentazione complessiva e il riallestimento generale dello spazio pubblico – marciapiedi, piste ciclabili – con la posa di elementi di arredo urbano e di nuove piantumazioni. Lo stesso Parco verrà anche completato lungo la via Sassetti".

Non solo. La convenzione Comune-Coima prevede anche la riqualificazione di via Bordoni tra le vie Galimberti e Viviani con la ripavimentazione dei marciapiedi e l’inserimento del verde; il completamento della pista ciclabile tra via De Castilla e via Confalonieri; la sistemazione dell’asse di via Pirelli verso la Stazione Centrale con la ripavimentazione dei marciapiedi, nuovi filari alberati e ciclabili; la sistemazione dei marciapiedi tra le vie Pirelli e Gioia.

Gli interventi costeranno 8,5 milioni di euro, verranno realizzati dai privati a scomputo degli oneri di urbanizzazione relativi alle opere di via Pirelli 39 (l’ex edificio comunale), via Pirelli 35 (l’ex palazzo Telecom) e via Gioia 20. A seguito della stipula della convenzione, gli operatori avranno un anno di tempo per la presentazione dei progetti. L’apertura dei cantieri è prevista nel 2024. L’assessore alla Rigenerazione urbana Giancarlo Tancredi parla di "un’altra parte di Milano che riusciamo a ricucire, privilegiando verde e mobilità lenta, secondo il principio della connessione tra quartieri alla base delle nostre politiche urbanistiche".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?