Milano - Lotta al Covid, la Lombardia è pronta a potenziare la nuova fase della campagna vaccinale. Partite oggi domenica 3 ottobre  le prenotazioni per la terza dose "booster", rivolta ai circa 710.000 cittadini over 80 (compresi i nati nel 1941) che hanno già completato il ciclo vaccinale primario.

Terza dose booster: cos'è, efficacia, quanto dura, chi la deve fare. La guida

Come prenotare l'appuntamento

Per prenotare un appuntamento è necessario accedere alla piattaforma www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it e cliccare sul pulsante "Terza dose - Cittadini con età maggiore di 80 anni". Per procedere dovranno essere trascorsi almeno sei mesi dalla seconda dose. Le somministrazioni cominceranno domani lunedì 4 ottobre nei 55 centri vaccinali distribuiti su tutto il territorio lombardo. Sempre entro ottobre partirà anche la distribuzione delle dosi nei presidi residenziali per anziani e nelle farmacie.

La dose booster

Continuano intanto le somministrazioni della dose addizionale di vaccino anti-Covid per i soggetti con le patologie indicate dal ministero della Salute, vale a dire trapiantati e immunocompromessi. Sul sito www.regione.lombardia.it sono riportate le aree di patologia (che possono essere verificate anche con il proprio medico/pediatra o specialista) che prevedono l'utilizzo della dose aggiuntiva. Queste persone possono prenotare in autonomia accedendo alla piattaforma regionale e cliccando sul pulsante "Terza dose - Cittadini trapiantati e immunocompromessi".

Terza dose vaccino, Aifa pubblica l'elenco dei farmaci immunosoppressivi

La risposta immunitaria

Secondo le indicazioni ministeriali, la terza dose di vaccino è prevista in due casi: come dose addizionale per garantire un livello adeguato di risposta immunitaria nelle persone che, per patologia o per terapia, potrebbero avere una minor risposta alle prime due dosi di vaccino. La somministrazione della dose addizionale in favore di questa categoria di soggetti è partita il 20 settembre. Oppure come dose di richiamo con l'obiettivo di mantenere nel tempo un adeguato livello di risposta immunitaria. Questa è destinata alle persone a maggior rischio di sviluppare una malattia grave per condizioni di fragilità, come gli anziani. Richiami al via dal 4 ottobre per i cittadini di età maggiore di 80 anni.

Il ruolo delle farmacie

Le farmacie avranno un ruolo di primo piano nella terza fase della campagna vaccinale. Da metà ottobre gli over 80 potranno prenotare e fare il richiamo (presumibilmente con le dosi Moderna) direttamente nelle farmacie. Saranno coinvolte nel programma circa 650 attività. In questo caso gli anziani potranno registrarsi direttamente nelle farmacie senza passare dalla piattaforma regionale.

I test rapidi

Sempre per quanto riguarda le farmacie, ora possono effettuare i test antigenici del coronavirus soltanto i farmacisti che aderiscono al prezzo calmierato: sono 1.320 in tutta la Lombardia. I test avranno questi costi: 15 euro per gli adulti e i bambini dai 6 agli 11 anni, 8 euro per i ragazzi dai 12 ai 18 anni.