Taxi, intesa Comune-sindacati sui voucher per corse scontate. Il via libera di massima al progetto è arrivato ieri pomeriggio nel corso di un incontro in videoconferenza, al quale hanno partecipato l’assessore alla Mobilità Marco Granelli e i rappresentanti di associazioni di categoria, sindacati e radiotaxi. "L’intento comune è di mettere in campo uno strumento che agevoli gli spostamenti di chi ne ha maggior...

Taxi, intesa Comune-sindacati sui voucher per corse scontate. Il via libera di massima al progetto è arrivato ieri pomeriggio nel corso di un incontro in videoconferenza, al quale hanno partecipato l’assessore alla Mobilità Marco Granelli e i rappresentanti di associazioni di categoria, sindacati e radiotaxi. "L’intento comune è di mettere in campo uno strumento che agevoli gli spostamenti di chi ne ha maggior bisogno", si legge in un comunicato diffuso in serata da Tam, Unione Artigiani, Satam, Unica Cgil, Fit Cisl, Confcooperative Lombardia, Lega Cooperative e dai tre radiotaxi 4040, 8585 e 6969.

I delegati hanno descritto a Granelli la situazione drammatica vissuta dalla stragrande maggioranza dei conducenti, che sta fronteggiando un crollo delle chiamate vicino al 90% rispetto al periodo pre Covid: "Si può ormai tornare a casa dopo dieci ore di turno senza aver fatto nemmeno una corsa". Da qui l’idea condivisa, che in un colpo solo potrebbe centrare tre obiettivi. Il primo: garantire un’auto bianca a prezzi ribassati a persone in difficoltà economica, donne sole e personale medico, solo per citare alcune delle categorie che potrebbero beneficiare del buono. Il secondo: dare una boccata d’ossigeno ai tassisti, alle prese con una crisi senza precedenti. Il terzo: creare un’alternativa a costi concorrenziali a metropolitane e mezzi di superficie, specie in vista della vera ripartenza prevista il 18.

"L’amministrazione – informano i sindacati – si è impegnata a reperire le necessarie risorse per la copertura finanziaria, senza le quali è compromessa l’efficacia dell’intera operazione". Dal canto loro, i conducenti hanno messo a disposizione il fondo di 400mila euro originariamente destinato alla sicurezza e agli incentivi per l’acquisto di auto ecologiche. L’auspicio è che il Comune, e in seconda battuta la Regione, riesca a reperirne altrettanti: in questo caso, si potrebbero garantire almeno 160mila corse scontate, nell’ipotesi in cui ogni voucher valga 5 euro. "Un segnale unico ma forte – la chiosa – da parte di una categoria che non vuole lasciare a piedi Milano".