Silvia Romano in Kenya
Silvia Romano in Kenya

Milano, 6 novembre 2019 - Torneranno in aula a un anno esatto dal rapimento di Silvia Romano Ibrahim Adan Omar, Abdulla Gababa Wario e Moses Luwali Chembe, i tre uomini sotto processo in Kenya, accusati di aver fatto parte del commando che sequestrò la volontaria milanese lo scorso 20 novembre. È uno dei pochi punti fermi in una vicenda ancora avvolta nel mistero, tra piste perse nel nulla, falsi allarmi, speranze, indagini sull’asse Roma-Nairobi e l’ipotesi di una trattativa sottotraccia con l’obiettivo di riportare in Italia la ventiquattrenne. I suoi familiari, a Milano, non smettono di sperare, nell’attesa di una svolta, in contatto con i funzionari del ministero degli Esteri. Intanto amici e attivisti di Amnesty International e di altre associazioni stanno organizzando, per domenica 17 novembre, una manifestazione nello spazio Hug Milano in via Venini, vicino al quartiere dove è cresciuta la ragazza. «Speriamo tutti che sia viva, in salute e venga presto rilasciata», spiega una giovane volontaria di Amnesty. «Vogliamo farle arrivare tutto il nostro affetto attraverso l’arte e la cultura – prosegue – invitare la comunità a rinnovare l’impegno per la sua liberazione». Si esibiranno giovani artisti, tra letture, musica e la realizzazione dal vivo di un grande “Quadro per Silvia”.

Messaggi per chiedere la sua liberazione verranno lanciati anche in città lombarde come Brescia, dove il 20 novembre verranno accese le fiaccole durante il Festival della Pace. Mobilitazioni in Italia e silenzio in Kenya, dove la volontaria si trovava con la onlus Africa Milele. Le ultime piste battute portano in Somalia, Paese confinante dove è radicato il gruppo terroristico jihadista Al-Shabaab che si finanzia anche attraverso i sequestri di persona. Mandanti nell’ex colonia italiana potrebbero aver rifornito di soldi e armi un gruppo di criminali locali, ingaggiato per sequestrare Silvia Romano con un blitz nel villaggio di Chakama e portarla in Somalia, approfittando anche di ricerche partire in ritardo. Dietro le quinte del rapimento potrebbe esserci l’intelligence clandestina di Al-Shabaab, Amnyat, cuore militare dell’organizzazione responsabile di assassinii, attacchi esplosivi contro civili e uffici governativi, sequestro di cittadini stranieri e traffici illegali di avorio, droga, armi, carbone vegetale, estorsioni e riciclaggio di denaro sporco.

È finita sotto la lente anche la rete di fiancheggiatori e terroristi islamici in Kenya. Ma finora le indagini hanno portato solo all’arresto di tre dei presunti esecutori materiali - Ibrahim Adan Omar, Abdulla Gababa Wario e Moses Luwali Chembe - ora al centro di un processo a Malindi che sta subendo continui rinvii, con le prossime udienze fissate per il 14, il 15 e il 20 novembre. Balordi che vivono nella zona dove lavorava la 24enne. Tre “pesci piccoli”, che però sono riusciti a evitare il carcere versando come cauzione somme enormi per un Paese povero come il Kenya. Chi ha fornito loro il denaro? Dove si trova Silvia Romano? Domande che, finora, sono ancora senza risposta.