Raccolta spazzatura, basta con gli errori. E arrivano i tutor della "differenziata"

Il Comune di Cesano Boscone introduce tutor della differenziata per educare i cittadini sul corretto smaltimento dei rifiuti, promuovendo il rispetto dell'ambiente e la riduzione degli scarti non riciclabili. Iniziativa per migliorare la convivenza civile e la tutela ambientale.

Raccolta spazzatura, basta con gli errori. E arrivano i tutor della "differenziata"

Il Comune di Cesano Boscone introduce tutor della differenziata per educare i cittadini sul corretto smaltimento dei rifiuti, promuovendo il rispetto dell'ambiente e la riduzione degli scarti non riciclabili. Iniziativa per migliorare la convivenza civile e la tutela ambientale.

Un tutor della differenziata per imparare a separare correttamente i rifiuti, utile per rispettare l’ambiente e non incorrere in sanzioni. L’iniziativa proposta dal Comune servirà ad affiancare i cittadini in modo da evitare accumuli di scarti di ogni tipo, soprattutto vicino alle casette dei rifiuti al quartiere Tessera e agli ecopoint al quartiere Giardino, come spesso accade. "La sfida della raccolta differenziata - spiega il vicesindaco Salvatore Gattuso - è soprattutto di convivenza civile e di rispetto per l’ambiente. Potremo realmente incidere sulla tutela dell’ambiente se tutte le comunità e i cittadini fanno la loro parte. Ci rendiamo conto che non sia facile cambiare delle abitudini consolidate, ma dobbiamo essere tutti consapevoli che chi ci ha provato è riuscito a dare il suo contributo nella riduzione degli scarti domestici non riciclabili, come i dati forniti dal gestore del nostro servizio dimostrano". Il vicesindaco si riferisce all’introduzione della raccolta puntuale in città, con i sacchetti etichettati per famiglia. "Si tratta di un percorso irrinunciabile che nel medio periodo porterà dei benefici - aggiunge l’assessore all’Ambiente Marco Pozza, che ha proposto l’iniziativa dei tutor - sia per l’ambiente sia per i cittadini, anche perché consentirà una graduale rimodulazione della tariffa. Purtroppo, ci sono ancora oggi diversi problemi che vanno risolti. Alcuni non stanno seguendo le indicazioni per una corretta raccolta differenziata. C’è anche chi, in particolare nei quartieri, non utilizza in modo corretto le aree di raccolta, abbandonando grandi quantità di rifiuti. Per questo abbiamo pensato di attivare un progetto, mettendo a disposizione dei cittadini alcuni esperti che possono aiutare a comprendere il funzionamento del sistema di raccolta". Il primo appuntamento con i tutor è il 3 aprile in via Kuliscioff (casetta dei rifiuti) dalle 11 e in via Gramsci (vicino agli orti) dalle 16.F.G.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro