Progetto ex BabyCresci: "Più verde, meno cemento"

Il sindaco di Rho replica ai dati e alle critiche diffusi da Osservatorio 23 "Si passerà dal 36% al 23% di superficie edificata. Pianteremo nuovi alberi".

Progetto ex BabyCresci: "Più verde, meno cemento"

Progetto ex BabyCresci: "Più verde, meno cemento"

Nessun mega polo logistico, gli alberi tagliati saranno sostituiti con nuove piantumazioni. E il sistema viabilistico, con le nuove rotatorie, è stato pensato migliorare il traffico su quel tratto di corso Europa. L’amministrazione comunale di Rho fa chiarezza sulla riqualificazione del- l’area industriale ex BabyCresci e sul Piano attuativo denominato Atu 10, che prevede l’insediamento di funzioni commerciali con l’insediamento di nuove attività e di una sede logistica. I dati diffusi nei giorni scorsi da Osservatorio 23, che ipotizzano la costruzione di un mega polo logistico "non corrispondono al vero". Al contrario, "la dimensione delle nuove strutture che saranno realizzate è decisamente inferiore rispetto a quelle esistenti e fatiscenti, che sono state recentemente demolite – dichiara il sindaco, Andrea Orlandi (nella foto) –. Il vecchio stabilimento Babycresci copriva con edificazioni circa il 36% dell’intera estensione dell’area pari 36.200 metri quadri, mentre il nuovo intervento si limita a occupare con edifici solo il 23%. Il resto è occupato da strade, parcheggi e soprattutto aree verdi. Un deciso miglioramento in termini di ‘de-cementificazione’ del suolo". Poi l’amministrazione entra nel dettaglio del piano urbanistico che prevede la costruzione di edifici pari a 15mila metri quadri complessivi divisi in due lotti. Nel lotto A, quello di prossima realizzazione, è prevista la costruzione di 5mila metri quadri edificati per usi commerciali con una superficie di vendita non superiore a 2.500 metri quadri. E aggiunge, "non esistono poli logistici come quelli ipotizzati da Osservatorio 23".

Per quanto riguarda il verde, "è prevista la ripiantumazione degli alberi tagliati e la realizzazione di un corridoio ecologico che lega le aree agricole poste a Est e a Ovest del lotto. È anche prevista la realizzazione di un’area a verde pubblico sempre sulla parte terminale del lotto prima inesistente – conclude il sindaco –. Quest’ultima e quelle limitrofe già di proprietà comunale, con quelle che saranno acquisite quando Viridea realizzerà l’intervento previsto dal piano urbanistico generale, potranno costituire un’area ampia per la fruizione del verde di rilevanti dimensioni e al servizio delle abitazioni più vicine".

Grande attenzione anche al disegno della viabilità: un sistema di rotatorie in fase di realizzazione garantirà all’ex Babycresci e al vicino impianto florovivaista l’accesso direttamente da corso Europa. La pista ciclabile sarà prolungata con sbocco nell’area verde pubblica.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro