Milano, 12 dicembre 2019 - Milano non dimentica e celebra i 50 anni dalla strage di piazza Fontana, avvenuta il 12 dicembre 1969. Dopo il Consiglio comunale straordinario a Palazzo Marino, al quale ha partecipato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e dopo l'incontro del Capo dello Stato con le vedove del commissario Luigi Calabresi, Gemma Capra, accompagnata dal figlio Mario, e Licia Rognini Pinelli, la vedova del ferroviere anarchico Pino, considerato la 18esima vittima di piazza Fontana, accompagnata dalle figlie, da piazza della Scala è partito il corteo di commemorazione. Diverse centinaia di persone hanno partecipato alla manifestazione, con in testa l'associazione dei familiari delle vittime e il presidente del consiglio comunale di Milano, Lamberto Bertolè. All'ingresso del corteo in piazza Fontana, è partito un applauso, che si è trasformato in un lungo minuto di silenzio quando c'è stata la sosta davanti alla Banca Nazionale dell'Agricoltura alle 16.37, orario in cui esplose la bomba. 

false

LUMINARIE SPENTE - Alle 14, le luminarie di Natale della città si sono spente in segno di lutto: un scelta dell'associazione Naviglio Grande, Vivi Viale Monza, Via Fiori Chiari, Laghetto District, Ales Paolo Sarpi, Noi di Brera, Via Vigevano La Darsena, Mercato Wagner, Ascoart Niguarda, Asco Rembrandt Pisanello, Asco Affori, Asco Loren Lorenteggio, Asco Pier della Francesca, Rete Distretto Isola e Isola Revel, Milano Durini Design, Centrale District, Viva Mac Mahon e Dintorni oltre a numerosi singoli commercianti. Spente anche le luminarie natalizie di Corso Vittorio Emanuele, Via Mercanti, Via Dante, Via Orefici, Corso Venezia, Corso Buenos Aires e le luci esterne del mercatino di Natale del Duomo e Piazza Scala oltre alla volta e l'albero presenti in Galleria Vittorio Emanuele II nonche' la facciata esterna della Rinascente e l'albero di luce in Piazza Duomo. Si riaccenderanno alle 18.