Incidente sull'A1
Incidente sull'A1

Milano, 25 aprile 2019 - Travolto e ucciso da un’auto mentre cerca di attraversare a piedi l’autostrada, nel buio. È morto così, martedì, poco prima delle 23, un 60enne di San Giuliano, soccorso inutilmente nel tratto dell’A1 che corre fra gli svincoli di San Giuliano e San Donato, in direzione di Milano. Sotto choc l’investitore, un 55enne milanese che dopo l’impatto si è fermato per aspettare l’arrivo dei soccorsi e tenersi a disposizione degli inquirenti. L’automobilista ha riportato anche qualche lieve contusione ed è stato sottoposto alle cure del caso.

Per il 60enne invece non c’è stato nulla da fare: ai sanitari non è rimasto che certificare il decesso. I rilievi dell’incidente sono stati affidati agli agenti della Polizia Stradale di Lodi e Guardamiglio, che ora dovranno cercare di capire perché il 60enne si trovasse lì a quell’ora della sera, in una zona dove sono molti gli accampamenti improvvisati. Forse si era perso, di certo ha tentato un attraversamento folle. L’automobilista si sarebbe trovato davanti il pedone, senza riuscire ad evitare l’impatto.  Il personale della Polstrada è rimasto a lungo sull’A1, nel luogo dov’è avvenuto l’incidente, oltre che per completare le verifiche, anche per regolare la viabilità. Solo intorno alle 3 di notte la circolazione è tornata alla normalità nelle corsie in direzione di Milano.

Quello dell’altra sera è il secondo, tragico incidente che avviene negli ultimi giorni sulle strade del Sud Milano. All’alba di martedi’ un 42enne residente in provincia di Pavia è stato travolto e ucciso da un’auto sull’A7, poco dopo il casello di Binasco. L’uomo, Cristian Venuti, sposato e padre di due figli, è stato tamponato ed è sceso dall’abitacolo per sincerarsi dei danni. In quel momento è stato investito. Inutili i soccorsi. Nel febbraio del 2018 una donna di 81 anni è stata travolta e uccisa da un’auto sulla Paullese, a Peschiera Borromeo, mentre cercava di attraversare a piedi la ex statale, di sera. Nel gennaio del 2015 il giovane Alessandro Gioia, allora capitano del Pantigliate Calcio, è stato investito e ucciso da un pirata della strada a Segrate, mentre attraversava la Rivoltana avvolta nel buio e nella nebbia, dopo una serata trascorsa con gli amici.