ALESSANDRA ZANARDI
Cronaca

Paullo, riqualificazione della Paullese: “Primo tratto aperto entro luglio”

Il sindaco Gianolli ha partecipato al sopralluogo dopo le prove di carico sui ponti Muzza e Conterico

Migration

Paullo (Milano) –  «Un primo tratto della Paullese riqualificata verrà aperto al transito entro la fine di luglio". L’annuncio arriva dal sindaco di Paullo Luigi Gianolli dopo le prove di carico eseguite nei giorni scorsi sul ponte della Muzza e il cavalcavia di Conterico, due delle opere realizzate nell’ambito del restyling dell’ex statale 415 nel segmento compreso tra Settala e Paullo.

Insieme al consigliere delegato di Città metropolitana Giorgio Mantoan e all’assessore paullese Abdullah Badinjki, Gianolli ha effettuato un sopralluogo sul cantiere, dov’era in corso il test per verificare la tenuta dei nuovi manufatti. "Abbiamo assistito alle prove di carico sul ponte, che sono terminate con esito positivo – queste le sue parole –. Abbiamo avuto un confronto con gli ingegneri e gli operai che hanno seguito il cantiere dall’inizio. Ci hanno spiegato le difficoltà che hanno affrontato a causa del reperimento dei materiali, dei ritardi nei pagamenti dagli enti statali, ma anche a causa di due ritrovamenti di amianto sotto la vecchia Paullese, all’altezza del chilometro 10, che hanno bloccato i lavori fino alla totale bonifica, terminata alcuni giorni fa. Ci è stata garantita l’apertura della tratta per la fine di luglio".

Il cantiere in effetti ha attraversato vicende altalenanti, dove non sono mancati ritardi e intoppi. Ora l’annunciata svolta, col traffico che tornerà a scorrere su una prima tranche del tracciato rimesso a nuovo. Quello che verrà aperto a breve è un tratto di 1.800 metri dall’innesto con la Tem fino al chilometro 10; si proseguirà invece a lavorare nei restanti 1.200 metri, dal chilometro 10 in direzione di Milano. In quest’ultimo caso, i lavori dovrebbero terminare entro un anno. "La realizzazione di quest’opera ha portato diversi disagi – ancora Gianolli –. Nessun Comune e nessun amministratore locale ha responsabilità diretta, ma monitoreremo costantemente la situazione con gli enti superiori, perché l’opera venga portata a termine nella sua interezza e nel più breve tempo possibile".