Paolo Venditti è il neosindaco dei ragazzi

A Senago è stato eletto il nuovo consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze, con 250 giovani votanti. Il percorso di cittadinanza attiva ha coinvolto scuole primarie e medie, con 50 candidati e 4 programmi elettorali. Giovani con idee chiare per migliorare il territorio.

Cinquanta candidati, quattro programmi elettorali, 250 ragazzi e ragazze dai 10 ai 14 anni che hanno espresso il loro voto: è stato eletto il nuovo consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze di Senago. Il percorso di cittadinanza attiva voluto dal Comune è stato condotto dagli educatori della cooperativa sociale Koinè. Iniziato lo scorso novembre, ha coinvolto gli studenti delle scuole primarie Marconi e Calcutta e della scuola media Allende. E proprio in questi giorni sono stati eletti 24 consiglieri comunali. A guidarli sarà il nuovo sindaco dei ragazzi Paolo Venditti.

"Il loro lavoro è stato ricco di entusiasmo ed energia che sicuramente potranno servire da vivace motore nelle future collaborazioni con il consiglio comunale ‘degli adulti’ – racconta Elena Mazzola, educatrice di Koinè –. In attesa di conoscere la data di insediamento ufficiale del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze, facciamo un grande applauso a questi giovanissimi che hanno deciso di attivarsi concretamente per migliorare il territorio in cui abitano".

Un incontro in ogni classe per raccontare ai ragazzi e alle ragazze, attraverso la metafora di una squadra sportiva, compiti e ruoli del consiglio comunale, del sindaco e modalità di elezione. Poi si è aperta la fase delle candidature e la risposta è andata ben oltre le aspettative: in poche ore sono arrivate cinquanta proposte. Proprio come succede per l’elezione del consiglio comunale e del sindaco dei “grandi“ i candidati, prima in modo individuale e poi in gruppo, hanno messo nero su bianco le azioni che avrebbero voluto portare avanti qualora fossero stati eletti. A gennaio la stesura di quattro programmi elettorali, uno per ciascun gruppo, ognuno con i propri obiettivi, il proprio simbolo e nome.

Giovani ma con le idee chiare, in tutti i programmi ragazzi e ragazze hanno dimostrato grande attenzione per la cura dell’ambiente e del territorio urbano, la manutenzione degli spazi pubblici, l’attivazione di spazi per i giovani e l’attenzione verso le fasce più deboli.

Ro.Ramp.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro