Quotidiano Nazionale logo
24 feb 2022

Omicidio nel box: confermati tre ergastoli

Cernusco, La Grassa con due complici uccise Carbone dopo una lite scoppiata per motivi legati a debiti di usura: 11 i colpi sparati

e sarà ergastolo
Cronaca
Il luogo in cui. avvenne l’omicidio di Donato Carbone. nel garage di via Don Milani a Cernusco
Il luogo in cui. avvenne l’omicidio di Donato Carbone. nel garage di via Don Milani a Cernusco

MILANO di Anna Giorgi E sarà ergastolo per tutti e tre gli imputati dell’omicidio di Donato Carbone, il 63enne ucciso con otto colpi di pistola in un agguato armato il 16 ottobre del 2019 che si è cosumato a Cernusco sul Naviglio. La corte d’Assise di appello, presieduta da Ivana Caputo, ha confermato la sentenza di primo grado del 15 giugno 2021 della corte d’Assise nei confronti di Leonardo La Grassa, 72 anni, e Edoardo Sabbatino, 61 anni, rispettivamente mandante ed esecutore materiale dell’omicidio, e Giuseppe Del Bravo, 41enne, perché avrebbe avuto un pieno coinvolgimento nel delitto, in particolare facendo da tramite tra La Grassa e Sabbatino. Confermato anche nei confronti della figlia di Carbone, parte civile nel processo, il riconoscimento di un risarcimento simbolico di un euro. Gli investigatori avevano identificato i colpevoli con un’indagine tradizionale, intercettazioni e telecamere. Fino al momento in cui dai filmati avevano individuato Sabbatino con una felpa a righe. Due le pistole usate: una Makarov 9x18 clandestina estratta dopo che l’altra, una Beretta 9x21 con matricola abrasa, si era inceppata al terzo colpo nei sotterranei della palazzina in via don Milani 17. All’inizio gli 11 bossoli trovati a terra avevano fatto pensare a un agguato mafioso. A innescare la vendetta, invece, si scoprì che era un debito in sospeso tra la vittima e l’ex boss, che si conoscevano da anni. Sullo sfondo, il mondo degli usurai. A conferma che si trattava di questo le parole di Angela Carbone poche ore dopo la morte del padre: "Adesso sai quanti stanno festeggiando? I debiti svaniscono nel momento in cui il creditore non c’è più". Un giro di assegni in bianco firmati, ritrovati nell’appartamento di famiglia, avevano fatto crollare l’immagine dell’uomo senza macchia tratteggiata dai vicini di casa e da quanto lo conoscevano. La Grassa aveva poi chiesto i domiciliari per motivi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?