Quotidiano Nazionale logo
29 gen 2022

"Non sai che qui comandiamo noi" Così la 20061 seminava il terrore

Blitz dei carabinieri: tre minorenni indagati per una serie di rapine e pestaggi, due finiscono in cella. Il caso dell’uomo picchiato in centro a Carugate e le scuse del padre dell’aggressore: "È ingestibile"

nicola palma; marianna vazzana
Cronaca

di Nicola Palma e Marianna Vazzana "Una certa disinvoltura e abitualità nel realizzare condotte predatorie, accerchiando la vittima e ricorrendo immediatamente all’utilizzo della violenza". "Una particolare insensibilità nei confronti delle regole della civile convivenza e una totale refrattarietà al rispetto della legalità e delle forze dell’ordine chiamate a verificarne l’osservanza da parte di tutti i consociati". Un mix esplosivo, "indice di un’elevata pericolosità sociale" sublimata "dall’agire in gruppo" per "ingenerare nelle vittime paura, smarrimento e sgomento". Così il giudice del Tribunale per i minorenni Marina Zelante ha delineato i tratti distintivi della baby gang che per due mesi ha terrorizzato Carugate. Tre dei presunti membri del gruppo di adolescenti che avrebbe colpito per 9 volte lo scorso autunno si sono visti notificare ieri all’alba l’ordinanza di custodia cautelare emessa a valle dell’indagine dei carabinieri della Compagnia di Pioltello: in cella sono finiti un sedicenne e un diciassettenne, tra cui il figlio di un noto capo ultrà della Curva Nord di fede nerazzurra, mentre un altro sedicenne è stato sottoposto alla misura restrittiva della permanenza in casa (con divieto di utilizzare cellulare e computer per contattare persone estranee al suo nucleo familiare). L’inchiesta dei militari, coordinati dal capitano Francesco Berloni, ha messo in fila una lunga serie di episodi inquietanti, tutti contraddistinti da violenza gratuita e raid senza un perché. Come dire: i baby bulli della 20061 – il cap del Comune di residenza come codice identificativo – non avevano un bersaglio definito, ma potevano colpire chiunque capitasse loro a tiro. Torniamo, ad esempio, alla sera del 13 dicembre scorso. Stefano (nome di fantasia) sta passeggiando sotto il porticato di piazza Manzoni: "Ciao compà", gli dice amichevolmente un ragazzo che conosce. Finita lì? No, perché dopo pochi secondi si ritrova a terra, tramortito da una raffica di calci e pugni; gli aggressori ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?