Quotidiano Nazionale logo
30 mar 2022

Cologno dà l'ultimo saluto a Begoña: "Averla tra noi è stata una benedizione"

Rose e mazzi di fiori bianchi per il funerale della bibliotecaria di 60 anni uccisa a coltellate. Il parroco: "Ci accompagna il suo ricordo, che ci spinge a vivere con altrettanto impegno il quotidiano”

laura lana
Cronaca
Omicidio Cologno Monzese; al centro Maria Begona Gancedo Ron, la vittima - Per edizione Milano metropoli - 23 marzo 2022 - Foto Spf/ANSA
Maria Begoña Gancedo Ron

Cologno Monzese (Milano), 30 marzo 2022 – Rose e mazzi di fiori bianchi per salutare Maria Begoña Gancedo Ron, la bibliotecaria di 60 anni, uccisa a coltellate lo scorso martedì 22 marzo nella sua abitazione. La comunità di San Maurizio al Lambro, l’amministrazione con il sindaco Angelo Rocchi in fascia tricolore, le colleghe della biblioteca dei ragazzi e gli altri dipendenti comunali, gli educatori delle figlie hanno riempito la chiesa del borgo colognese per partecipare al funerale. “Non siamo qui in tanti per caso, ma per consolazione e per manifestare vicinanza alla famiglia”, ha detto dal pulpito il parroco don Alessio Mauri, che nella sua celebrazione ha richiamato al silenzio. “È bene aspettare in silenzio. Troppe parole danno quasi fastidio”.

Il quartiere l’aveva accolta da giovane, quando era arrivata dalla Spagna. Quindici anni fa era rimasta vedova del marito Felice e aveva cresciuto i tre figli da sola: le due gemelle di 23 anni con sindrome Down e il 28enne Daniel , che è accusato del suo omicidio. Da anni lavorava alla biblioteca dei ragazzi ed era stata assunta dal Comune, dopo decenni di precariato attraverso una cooperativa che collaborava con il municipio. “È stata una benedizione per la sua famiglia e per tutte persone che l’hanno conosciuta – ha continuato il parroco -. La sua figura materna e attiva nei gruppi a cui apparteneva continua ad accompagnarci. Ci accompagna il suo ricordo, che ci spinge a vivere con altrettanto impegno il quotidiano”.

L’autopsia, effettuata nei giorni scorsi, ha confermato la dinamica dell’omicidio e le numerose coltellate, che sono state inflitte con un coltellino svizzero. Il giovane da quando è stato fermato dai carabinieri della Compagnia di Sesto è ricoverato al reparto di psichiatria: si trova all’ospedale Bassini di Cinisello Balsamo, da giovedì piantonato dalla polizia penitenziaria. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?