Taglio del nastro della nuova Malpensa
Taglio del nastro della nuova Malpensa

Milano, 20 aprile 2015 - Expo è alle porte e Milano Malpensa è pronta a mostrarsi in tutta la sua bellezza, dopo un importante restyling che ne ha rivoluzionato l'aspetto e la funzionalità. I lavori iniziati nel novembre del 2013 hanno coinvolto un'area di 18mila mq del Terminal 1, dal salone degli arrivi al piano check-in, passando per l'atrio di accesso all'aeroporto dalla stazione ferroviaria. Un progetto architettonico realizzato da Gregorio Caccia Dominioni e un investimento di 30 milioni di euro per dare nuovo slancio all'aeroporto che rappresenta la porta d'accesso a Expo.  A fare gli onori di casa, per l'inaugurazione, il presidente della società Sea, Pietro Modiano, che ha accolto il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, il vice-sindaco di Milano, Ada Lucia De Cesaris, il presidente dell'Enac, Vito Riggio, il soprintendente del Teatro alla Scala, Alexander Pereira, e l'ex ministro Maurizio Lupi. 

Il presidente di Sea, Pietro Modiano, ha detto che il restyling dell'aeroporto di Malpensa, è "il primo passo anche simbolico di un rilancio e di un riscatto necessario". Il numero uno della società di gestione degli scali milanesi ha aggiunto che l'operazione "darà più forza e credibilità anche per convincere chi di dovere a sostenerci, con migliori infrastrutture di connettività e più libertà di accesso ai grandi vettori di tutti i continenti". "Basta, ci siamo detti, rimpiangere Alitalia e basta con l'alibi di Linate. Ci siamo anche detti: se non accettiamo la sfida, avremo fra l'altro, come azienda, buttato via gli sforzi di questi anni di razionalizzazione, taglio dei costi, buoni accordi commerciali", ha aggiunto Modiano sottolineando che l'anno scorso i passeggeri intercontinentali sono aumentati del 12% e le merci del 9%. Soddisfatto anche il governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni: "Stimiamo che i tre quarti dei visitatori dall'estero all'Expo arriveranno a Malpensa, che sarà la porta d'accesso principale. E l'appello al governo è che continui a sostenere Malpensa, ma anche Pedemontana". E poi, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha garantito che "il governo continuerà a scommettere su Malpensa". Il vicesindaco di Milano, Ada Lucia De Cesaris, ha sottolineato che l'aeroporto di Malpensa è una infrastruttura "che ha dimostrato di saper competere. Dobbiamo partire da qui, è un esempio di come le infrastrutture giuste ci devono essere e sulle quali si deve investire". 

STRUTTURA ELEGANTE - La nuova Milano Malpensa si presenta come una struttura all'avanguardia, elegante, realizzata in acciaio e vetro, con pavimenti in marmo di Candoglia, lo stesso marmo con cui è stato realizzato il Duomo di Milano, e rivestimenti esterni in zinco-titanio. Il Terminal 1 ha oggi una superficie totale di 350mila mq, 90 gates di imbarco e fino a 270 banchi check-in, 41 pontili mobili (loading bridges) e, novità assoluta per gli aeroporti italiani, può accogliere contemporaneamente 2 Airbus A380, imbarcando i passeggeri attraverso 3 pontili (uno per il ponte superiore e due per il ponte principale). 

SICUREZZA - Da pochi giorni, inoltre, sono entrati in funzione i nuovi controlli di sicurezza, spostati al piano check-in con 21 postazioni operative, cinque in più rispetto al vecchio lay-out. I nuovi controlli consentono a tutti i passeggeri, sia quelli destinati ai voli Schengen sia quelli non-Schengen, di scendere direttamente nell'area imbarchi attraverso una scala di vetro che li conduce nel nuovo duty free per proseguire verso i loro gate di imbarco. I controlli passaporti, ora posizionati prima dei gate di imbarco, sono 24, triplicati rispetto agli 8 presenti nella precedente configurazione. 

GALLERIA COMMERCIALE - Fiore all'occhiello della nuova Malpensa è la rinnovata galleria commerciale con 13mila mq e 46 nuovi spazi commerciali, tra cui un duty free di circa 2.500 mq tra i più grandi d'Europa. L'offerta complessiva retail delle partenze arriva così a 23mila mq con circa 100 esercizi tra ristoranti, bar e negozi e sottolinea la strategia di Sea che sta sviluppando fortemente l'offerta retail dei suoi aeroporti. La galleria commerciale comprende le nuove Piazze del Lusso e del Gusto; la prima, con uno spazio di 8mila mq ispirato alla Galleria Vittorio Emanuele e illuminato dalla lighting designer Cinzia Ferrara, ospita i maggiori brand del lusso mondiale: i negozi di Bulgari, Armani (prima apertura in un aeroporto europeo), Ermenegildo Zegna, Etro e Gucci; Hermes, Montblanc, Salvatore Ferragamo, Bottega Veneta, Tod's, Moncler, Damiani e Hugo Boss, oltre al Davide Oldani Cafè. La Piazza del Gusto, con 2.200 mq nasce per esaltare la qualità e le eccellenze italiane: al centro della piazza risalta il punto ristoro «Ferrari spazio bollicine», e poi il Caffè Milano, il negozio di Venchi, storico produttore torinese di cioccolato, e lo spazio «Emozioni», un'enogastronomia di 500 mq.

ARRIVI EXTRA SCHENGEN -  Il restyling ha riguardato anche l'area degli arrivi Extra Schengen dove sono stati realizzati i nuovi controlli passaporti con 15 postazioni dedicate, 7 in più rispetto alle 8 precedenti, tra cui anche 3 postazioni eGates per il controllo automatizzato dei passaporti. Il progetto degli eGates, realizzato insieme al ministero dell'Interno e in fase sperimentale, è stato cofinanziato dalla Comunità europea e ora ospitato a Malpensa. Infine, anche l'area del ritiro bagagli è stata completamente rinnovata e dotata di 5 nuovi nastri per la riconsegna, di cui uno dedicato ai passeggeri dell'A380 lungo 150 metri (quasi il doppio dei normali nastri di riconsegna).