Quotidiano Nazionale logo
28 gen 2022

"Magazzino Lidl, approvato piano irregolare"

La minoranza chiede che la delibera sia annullata. I presunti profili di illegittimità sono stati trasmessi al tribunale amministrativo

barbara calderola
Cronaca

di Barbara Calderola Nuova tegola sul maxi-magazzino Lidl nella valle di Leonardo. "Irregolarità nell’approvazione del piano", la minoranza chiede che la "delibera sia annullata". I presunti profili di illegittimità sono stati trasmessi al Tar dove pende il ricorso di Legambiente Martesana "contro la colata di cemento". Dal punto di vista tecnico il problema originario che ha spinto i contrari ad affidarsi alle carte bollate ruota attorno alla mancanza di valutazione di impatto ambientale che secondo gli ecologisti era indispensabile e che invece Città Metropolitana non ha ritenuto necessaria. Una scelta che aveva fatto saltare sulle barricate gli attivisti che da tempo denunciano "i rischi per l’ambiente e per la salute con l’aumento di smog legato all’arrivo delle piattaforme di movimento merci". "L’iter del progetto deve essere bloccato - chiede ora Francesco De Marchis, capogruppo di Vaprio in Movimento all’opposizione – abbiamo sempre sollecitato modifiche al piano e invece l’impianto è passato per intero senza cambiarne la sostanza: sulla Sp 525 fra la Mobil Best e l’ex cava sorgerà l’insediamento di 125mila metri di insediamento. Oggi un gigantesco prato verde che rischia di scomparire". Ma a tagliare la strada alla pratica potrebbe essere proprio la magistratura amministrativa. "La vertenza di Vaprio è già un modello per tutta la Regione interessata dal fenomeno – dice Giuseppe Moretti presidente di Legambiente Martesana -. La Bergamasca, qui a due passi, è l’altro terreno di conquista. La logistica sta cancellando gli ultimi corridoi ecologici rimasti e invece serve uno sviluppo ragionato che scelga il recupero. Occorre programmazione . Con la sentenza al Tribunale amministrativo puntiamo a fare giurisprudenza per correggere le storture della legge 31 del Pirellone che non classifica operazioni come queste sotto la voce consumo di suolo". Per chi è contrario al sito una soluzione potrebbe essere il restyling dei capannoni dismessi, "in zona industriale, cioè ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?