Il club di Forze Armate
Il club di Forze Armate

Milano, 1 febbraio 2018 - Il suo nome è spuntato anche fra le domande del quiz televisivo “L’Eredità”: «Lorella Carimali è l’unica italiana candidata al premio internazionale per...», chiede Fabrizio Frizzi a uno sfidante che azzecca la risposta al primo colpo, senza tentennamenti: «Il migliore insegnante del mondo». Se qualcuno ancora non sapesse rispondere, è nato anche un fan club, anzi un «fun club», che è più simpatico, per sostenere con forza la candidatura della professoressa di matematica del liceo scientifico Vittorio Venero di Milano. Studenti ed ex studenti fanno già parte degli «ultrà», ma alla radice del «Lorella Carimali Fun Club» c’è un quartiere intero, le «Forze Armate»: Paolo e Roberta della “Cartopapeleria”, Laura la parrucchiera, Miki l’estetista.

Lorella Carimali«Per tutti noi è “La Prof” – sorridono –. La matematica è spesso l’incubo dei ragazzi, e invece lei la sta facendo amare. È sempre pronta a dare una mano. Così abbiamo deciso quindi di creare un fun club. Stiamo preparando anche magliette, spillette, magneti. Abbiamo fra noi l’unica candidata italiana al Nobel dei prof, ne andiamo orgogliosi». Centinaia i «like» in una manciata di giorni, un tifo «da stadio». «Che bello che per una volta si faccia il tifo non solo per i calciatori ma per la scuola e per la matematica – commenta la professoressa Carimali, commossa. La sua storia, milanesissima, parte da una casa di ringhiera e dalla passione per i numeri.

L’ultima classe che ha portato al trionfo, la maturità (Newpress)«La radice quadrata della vita» è il suo romanzo, in pubblicazione, per dimostrare che tutti possono farcela, possono risolvere i problemi, realizzarsi. Nonostante la carriera già avviata - e più remunerativa - in un’azienda di informatica, trent’anni fa ha lasciato tutto per insegnare. Ha aggiunto alle formule il teatro, il gioco di squadra, ha creato il «Tg della Fisica», sperimenta metodi alternativi per coinvolgere la classe. E condivide il suo metodo formando nuove insegnanti. Così ha conquistato la giuria internazionale che l’ha eletta nei primi 50 fra le oltre 40mila nomine provenienti da 173 Paesi. In palio per il Global Teacher Prize 2018 della Varkey Foundation un milione di dollari.

Cosa farà in caso di vittoria? La prof Carimali non ha dubbi: «Mi piacerebbe sostenere start up di giovani che a Milano sono nate nel sociale, penso ai soccorritori, e poi creare una fondazione per promuovere l’insegnamento della matematica e progetti sperimentali, per fare formazione matematica alle future maestre in modo che la amino e trasmettano la passione alle future generazioni». Che mancano e che a Milano sono sempre più richiesti. Sta facendo la «trottola» in giro per l’Italia anche per questo. A metà febbraio si saprà se la professoressa del Vittorio Veneto sarà nella top 10, il 18 marzo ci saranno le premiazioni a Dubai, ha già un volo prenotato. Incrociano le dita i suoi fan: «Per noi ha già vinto».