Immortalata dalle fototrappole una famiglia di quattro tassi

Fototrappole nell'Oasi delle Foppe a Trezzo sull'Adda immortalano quattro tassi, forse una famiglia. Le immagini confermano l'habitat favorevole e la presenza di esemplari rari.

Immortalata dalle fototrappole una famiglia di quattro tassi

Immortalata dalle fototrappole una famiglia di quattro tassi

A spasso di notte nell’Oasi delle Foppe, le fototrappole “immortalano“ quattro tassi. Forse una famigliola con prole “cresciutella“, forse quattro individui singoli, "ma sia come sia – spiega Fabio Cologni del Wwf Le Foppe e Vimercatese – sono immagini straordinarie. È molto raro riuscire a ‘cogliere sul fatto’ un gruppetto di animali come questo". Una passeggiata nel buio senza ostilità nè ‘pose competitorie’: "Ciò conferma anche – aggiunge Fabio – che la nostra Oasi è un habitat favorevole. Anche sul fronte ‘alimentare’. Gli animali sono belli grossi. Il tasso può del resto arrivare anche a 15 o 20 chili". Le immagini sono state registrate dalle “fototrappole“ ormai da molti mesi installate nell’Oasi “madre“ delle Foppe, con qualche spostamento anche sul sito bis della Fornace. Postazioni assolutamente top secret.

"Le fototrappole hanno un duplice obiettivo. Quello di monitorare il corretto uso dei luoghi e di scoraggiare condotte improprie, abbandono di rifiuti o danneggiamenti. Ma, sul fronte scientifico, quello di ‘catturare’, con sessioni di registrazioni lunghe e da postazioni fisse, la presenza di esemplari rari. O, come in questo caso, di gruppi di animali che vivono tutti nello stesso punto: hanno scelto il luogo adatto e messo su ‘tana’".

M.A.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro