Flashmob: "La città è allo sbando"

Flashmob a Sesto San Giovanni per denunciare lo stato di degrado della città. Opposizione chiede interventi contro impoverimento sociale, culturale ed economico. Ambizioni di riportare Sesto a una città inclusiva e prospera.

Flashmob: "La città è allo sbando"

Flashmob: "La città è allo sbando"

Un flashmob in largo Lamarmora per dire che "Sesto è diventata una città allo sbando". Una manifestazione unitaria che ha visto in piazza tutte le forze di opposizione per chiedere interventi contro "l’impoverimento sociale, culturale ed economico della città. La casa, lo sport, la cultura, il tessuto produttivo, la salute, l’ambiente la mobilità, la sicurezza nei quartieri: sono solo alcuni degli ambiti in cui abbiamo visto drasticamente peggiorate le condizioni della città. È ora di dire basta. È ora che l’Amministrazione inizi finalmente a lavorare per Sesto". Il trasferimento della sede di Campari e della prima squadra del Geas Basket, il futuro incerto della presenza dell’Università degli Studi di Milano, "anche la cultura e gli spazi di socialità sono in forte sofferenza. Vogliamo rendere nuovamente Sesto una città inclusiva, vivace, prospera e sicura, dove le persone desiderano vivere, lavorare e trascorrere il tempo libero".La.La.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro