Consiglio comunale, la parola ai ragazzi

A Novate nasce il consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi per promuovere la partecipazione giovanile e coinvolgere le nuove generazioni nelle scelte strategiche. L'iniziativa coinvolge due istituti scolastici e mira a educare cittadini consapevoli.

Consiglio comunale, la parola ai ragazzi

Roberto Valsecchi, vicesindaco e assessore

Nasce anche a Novate il consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi. Debutterà giovedì 4 aprile alle 17 in aula consiliare l’iniziativa nata con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura di governo, basata sulla partecipazione, attraverso un coinvolgimento organizzato dai giovani. "Il progetto è stato rinviato nel tempo a causa della pandemia e ora vede la sua concretizzazione in una dimensione di crescita del territorio e di un agire che non sia “solo” a favore di una città a misura di bambino e di bambina ma che preveda un reale coinvolgimento delle giovani generazioni nelle scelte strategiche in quanto portatrici di interessi al pari degli adulti", spiegano dall’amministrazione comunale. La nuova assemblea cittadina delle ragazze e dei ragazzi promuoverà una nuova filosofia di partecipazione realizzando uno specifico progetto comunale attraverso un funzionamento la cui articolazione prevede il coinvolgimento dei due istituti comprensivi novatesi in un insieme di attività scolastiche legate all’educazione civica e alla crescita degli alunni come cittadini consapevoli e partecipativi. L’incontro è composto da consiglieri comunali eletti all’interno delle classi delle due scuole medie Rodari e Vergani.

I rappresentanti di classe votano un rappresentante per interclasse quindi uno per le classi prime, uno per le seconde e uno per le terze per un totale di 6 rappresentanti oltre a 6 vice. Questa nuova istituzione ha l’obiettivo di incarnare un luogo di libera espressione del pensiero, di sogni e bisogni, di favorire nei giovani la concezione ascendente delle decisioni amministrative che riguardano infanzia e adolescenza. "Il consiglio significa coinvolgimento nelle decisioni che riguardano la loro vita - spiega l’assessore all’Istruzione e vicesindaco, Roberto Valsecchi. A Novate diventeranno attori sociali ai quali gli adulti devono offrire la propria credibilità". D.F.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro