5X4-MIL04_WEB

Milano, 7 agosto 2018 - Un'auto avanza sulla carreggiata di via Virgilio Ferrari, estrema periferia sud della città, verso via Ripamonti. Aggancia un ciclista. Non si ferma. Lo trascina per decine di metri, forse più di cento. Il ciclista cade, sbatte con violenza sull’asfalto. E l’auto schizza via a tutta velocità. Ora è caccia al pirata, mentre l’uomo che era in sella alla sua bici, 64enne di origine albanese, lotta tra la vita e la morte al Policlinico. Questo è l’accaduto, secondo una prima ricostruzione della polizia locale intervenuta subito dopo l’incidente in via Ferrari insieme ai soccorritori del 118. Non c’è traccia del pirata: poche ore dopo è stata trovata una Seat Ibiza grigia nelle campagne circostanti e il sospetto dei ghisa dell’Unità interventi speciali è cha sia proprio la sua. Il proprietario risulta essere un uomo dell’Est Europa, intestatario di diversi veicoli. Non è escluso si tratti di un prestanome, le indagini sono in corso.

Sono le 11.20 quando avviene l’incidente. L’auto procede spedita verso via Ripamonti, non è chiaro se abbia svoltato da via Campazzino o se sia arrivata da un’altra strada. Fatto sta che a un certo punto incrocia la bicicletta. A quanto pare non rallenta la marcia e prende in pieno la due ruote, in sella alla quale c’è l’albanese di 64 anni. L’uomo ai pedali non può fare nulla. Lo immaginiamo mentre cerca di frenare in tutti i modi, anche se non sappiamo se si sia effettivamente accorto dell’auto. Potrebbe anche essere stato colto di sorpresa. Quel che è certo è che la sua bicicletta è stata “agganciata” da quest’auto e poi trascinata per decine di metri, forse più di un centinaio. L’uomo è stato trovato senza sensi sull’asfalto da altre persone di passaggio, la bici qualche metro più in là. Dell’investitore, nessuna traccia. I soccorritori si sono subito resi conto delle gravi condizioni del 64enne che ha riportato diversi traumi e ferite. In coma, è stato trasportato in codice rosso al Policlinico e ieri in tarda serata lottava tra la vita e la morte.

Difficile ricostruire la dinamica: nel tratto di strada interessato non ci sono telecamere, né si sono fatti avanti testimoni che abbiano assistito all’incidente. I ghisa hanno comunque acquisito i filmati della zona, per tentare di ricostruire il percorso dell’auto. Poco dopo, gli agenti della polizia locale dell’Unità interventi speciali hanno trovato una Seat Ibiza grigia abbandonata nelle campagne circostanti: l’auto ha il parabrezza danneggiato e, confrontando le parti mancanti con i pezzi raccolti sulla carreggiata, potrebbe essere compatibile con quella guidata dal pirata. È caccia all’uomo. Ed è il secondo pirata della strada in poco più di una settimana: lo scorso mercoledì, un altro automobilista era scappato dopo aver investito un centauro di 40 anni in via Belisario, zona Fiera. Prima un’inversione improvvisa, poi lo schianto e infine la fuga. La vittima è finita all’ospedale con diversi traumi. Per fortuna non è in pericolo di vita.