MARIANNA VAZZANA
Cronaca

Barriere architettoniche: la mappa dal centro alla periferia. Ecco dove si rischia di più

Trentacinque punti critici elencati dal Municipio 8 attraverso le segnalazioni dei cittadini in più quartieri. Gli autori del censimento: "Un primo elenco, lista destinata ad allungarsi"

Barriere architettoniche (Archivio)

Barriere architettoniche (Archivio)

Milano – Nel migliore dei casi, la fatica è quella di sollevare un trolley o di spingersi con il deambulatore fino allo scivolo più vicino. Nel peggiore, chi si sposta su una carrozzina deve chiedere aiuto anche solo per proseguire il tragitto sul marciapiede: succede se si imbatte in uno scalino, in un palo di segnaletica che blocca il passaggio o nella radice di un albero che increspa la pavimentazione. Tutte barriere architettoniche che ostacolano la vita a chi ha problemi di deambulazione, disabili e non.

La mappa dei punti critici

Il Municipio 8 ha raccolto le segnalazioni di singoli cittadini e associazioni creando una mappa che al momento ha 35 “punti critici“, da zone più centrali come corso Sempione e piazza 6 Febbraio ad aree più periferiche come Bonola e viale Espinasse. "Un lavoro partito un anno fa", spiega Giacomo Marini, presidente della commissione Mobilità e Sicurezza. E all’unanimità, in maniera bipartisan (il "sì" è di tutti i 27 consiglieri votanti, di ogni colore politico), il Consiglio di Municipio chiede in una delibera "agli uffici di competenza" del Comune "gli interventi di adeguamento" per abbattere le barriere. E di provvedere alla creazione degli "opportuni scivoli in corrispondenza dei passaggi pedonali, laddove mancanti, nel rifacimento delle asfaltature e dei marciapiedi".

Scivoli, questi sconosciuti

L’assenza di scivoli è la voce con il maggior numero di punti critici: zero “discese e salite dolci“ tra le vie Albani e Uccello, dove si trova la scuola secondaria di primo grado Colorni. Ergo, difficoltà a raggiungerla per chi ha problemi di mobilità. Ma anche gli anziani che si spostano con il deambulatore chiedono aiuto. In piazza Prealpi, poi, attorno al mercato comunale coperto gli scivoli sono "assenti o danneggiati".

Ostacoli insormontabili

Difficile, poi, per una persona diversamente abile, raggiungere un’auto o proseguire una volta scesa, se si trova nel posteggio per disabili in via Bacchelli, alle spalle del centro commerciale Bonola, sempre per mancanza di scivoli. E tra il civico 2 e la rotonda spunta un palo. A poca distanza, a Lampugnano, e per l’esattezza in via Chiarelli 16-20, “a sorpresa“ si materializzano scalini. Tra le altre segnalazioni, l’assenza di un attraversamento pedonale e scivoli vicino al parcheggio dei taxi in piazzale Accursio. "Sicuramente – conclude Marini – è un elenco non esaustivo, un primo passo. Auspichiamo intanto che gli interventi vengano calendarizzati dal Comune".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro