La Polfer sulla scena del disastro durante i primi rilievi scientifici sul treno
La Polfer sulla scena del disastro durante i primi rilievi scientifici sul treno

Lodi, 10 febbraio 2020 - Dodici ore sotto torchio. E ora l’inchiesta minaccia di allargarsi ancora. Sono finiti alle 3.20 della notte tra sabato e domenica gli interrogatori dei cinque operai, un caposquadra e quattro tecnici, tutti dipendenti di Rfi, indagati dalla procura di Lodi per il deragliamento del Frecciarossa 9595 Milano-Salerno, alle 5.35 di giovedì nel Lodigiano, che ha provocato la morte dei due macchinisti Giuseppe Cicciù e Mario Dicuonzo e il ferimento di 31 persone tra passeggeri e personale di bordo.

Davanti al pm di Lodi Giulia Aragno i cinque, indagati per omicidio colposo plurimo, disastro ferroviario colposo e lesioni, si sono presentati alle 15.35 di sabato negli uffici della Polfer di Piacenza e hanno spiegato passaggio per passaggio il loro intervento finito circa un’ora prima dell’incidente sul ‘punto zero’, quello scambio che secondo la procura di Lodi sarebbe stato lasciato "in posizione errata" e che ha deviato inevitabilmente la motrice del treno su un binario di servizio, facendola così schiantare a quasi 300 all’ora contro un deposito. La squadra di manutentori, accompagnata dagli avvocati Armando D’Apote di Bologna e Fabio Cagnola di Milano (entrambi i legali sono stati nominati da Rfi), ha ricostruito tutte le operazioni manuali che sono state svolte seguendo rigidi protocolli, spiegando la catena di comando che ha portato a comunicare alla centrale di Bologna lo stato dello scambio, ma soprattutto di aver lasciato "dritto" (quindi nella posizione corretta) lo snodo.

Uno alla volta ciascuno degli operai ha provato a chiarire al magistrato e all’ispettore della Polfer Angelo Laurino e al vice questore Marco Napoli che coordina il Nucleo operativo incidenti ferroviari tutti i passaggi del loro intervento quella notte lungo i binari dell’alta velocità, negando le accuse. Gli inquirenti hanno sequestrato anche i tabulati telefonici e gli audio avvenuti tra la mezzanotte e le 4.45 della notte tra mercoledì e giovedì scorso, tra la squadra di operai e la centrale operativa di Bologna, con l’obiettivo di chiarire ogni aspetto della dinamica. Questo passaggio potrebbe portare a nuovi iscritti nel registro degli indagati. Intanto, oggi i consulenti nominati dalla procura, Roberto Lucani e Fabrizio D’Errico, gli stessi dell’incidente con tre morti del 25 gennaio 2018 a Pioltello (Milano) si occuperanno degli esami irripetibili sul luogo del disastro e sui vagoni. Sui binari tra Livraga e Ospedaletto si attende il via libera per la rimozione dei vagoni. Gli interventi dureranno diversi giorni.