L'inaugurazione della clinica veterinario (Cavalleri)
L'inaugurazione della clinica veterinario (Cavalleri)

Lodi, 03 luglio 2018 - "La prima idea di trasferire a Lodi la Facoltà di Veterinaria risale al '98. Ci sono voluti 20 anni, come spesso accade, il progetto è stato poi ridimensionato. Ma negli ultimi 3 anni sono stati rispettati i tempi, grazie anche ad un fondamentale contributo della Regione: oggi, come ultimo atto del mio mandato inauguro la clinica veterinaria per piccoli animali. Ad ottobre i corsi prenderanno il via nella nuova sede lodigiana".

Gianluca Vago, rettore dell'Università degli studi di Milano, questa mattina a Lodi con la sindaca Sara Casanova, il presidente della Provincia Francesco Passerini e il direttore del centro clinico veterinario e zootecnico Saverio Paltrinieri ha tenuto a battesimo la nuova clinica, dotata "dei migliori standard europei". La clinica per piccoli animali presso la Facoltà di Veterinaria di Lodi ha già iniziato a operare dall'8 giugno, dopo essere stata collegata internamente con quella per grandi animali, aperta nel febbraio 2005. In un mese sono stati trattati quasi 300 casi, per lo più di animali da affezione, mentre il reparto grandi animali tratta in media ogni anno 200-250 animali, soprattutto cavalli, e circa 500 di quelli da allevamento.

Il personale è composto da 126 addetti, di cui 24 tecnici-amministrativi e 102 tra medici, dottorandi, specializzandi, liberi professionisti a contratto. Ci sono, in ausilio, poi circa 400 studenti (76 per anno accademico), soprattutto quelli di quarta e quinta. La clinica è aperta 24 ore su 24 per 7 giorni, ha 10 ambulatori visite, 2 per ecografia ed ecocardiogramma, 1 per chemio, 1 per endoscopia. Quattro le sale operatorie d'avanguarda di cui 1 specializzata per la laparoscopia e 1 con pareti piombate per l'utilizzo di strumenti radiologici. Quindi due sale di degenza e una nuova sala radiologica wifi inserita nel reparto grandi animali. Tra le apparecchiature d'avanguardia la scintigrafia per animali grandi e piccoli e la tac per la testa di cavalli, da usare senza anestesia (unica in Italia). Per ottobre, intanto, si attende l'apertura della Facoltà, i cui lavori sono in fase di ultimazione. Di fronte all'ospedale si insedieranno uffici e laboratori del Dipartimento di Medicina Veterinaria e quello di Prevenzione della salute animale e sicurezza alimentare.