Quotidiano Nazionale logo
23 feb 2022

Orio Litta, bracconieri sull’argine costretti alla fuga

Intercettati dagli agenti del corpo intercomunale di polizia locale "Saremo intransigenti"

paola arensi
Cronaca
featured image
Polizia locale

Orio Litta (Lodi) - Durante il servizio serale e notturno di martedì scorso una pattuglia della Polizia Locale, che effettua il servizio intercomunale occupandosi anche di Orio Litta e che era impegnata in attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e abbandono di rifiuti a ridosso dell’argine del fiume Lambro, ha intercettato due uomini, verosimilmente dei bracconieri, nel tratto compreso tra Lambrinia - sponda Pavese - e la strada provinciale 204 - sponda lodigiana. Gli individui, occultando presumibilmente delle armi, alla vista degli agenti della Polizia Locale, si sono dati precipitosamente alla fuga a bordo di un mezzo fuoristrada. Ne è seguito un inseguimento sino all’argine dove i fuggitivi, forti del veicolo 4x4 condotto, deviavano la propria traiettoria in aperta campagna. La pattuglia, suo malgrado, ha dovuto interrompere l’inseguimento.

Lapidario il commento del comandante della Polizia Locale, Carloenrico Gandini: "Non molliamo di un millimetro il controllo del territorio. Siano essi spacciatori, bracconieri o altri malintenzionati, devono sapere che sul territorio di competenza del nostro Corpo Intercomunale di Polizia Locale, c’è un costante controllo anche in ore serali e notturne - unico caso da Pavia a Lodi se si escludono le medie e grandi realtà - grazie anche ad una forte collaborazione con le locali caserme dei carabinieri. "Ricordo – prosegue il comandante – ricordo che il bracconiere risponde del reato di furto comune, in questi casi chiamato anche furto venatorio, punito con la pena della reclusione da uno a sei anni".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?