Lecco, Bonazzoli si presenta: “Per me una sfida affascinante”

Il nuovo allenatore parla chiaro: "Non temo il doppio salto dalla D alla B. Ora dobbiamo muovere la classifica, a cominciare dalla gara con l’Ascoli".

Bonazzoli si presenta: "Lecco, sfida affascinante"
Bonazzoli si presenta: "Lecco, sfida affascinante"

Lecco, 17 ottobre 2023 – Far punti già dalla prossima partita di campionato ad Ascoli per invertire immediatamente la rotta e impostare il cammino verso la salvezza. Questo il proposito del nuovo allenatore del Lecco Emiliano Bonazzoli che, ieri pomeriggio, è stato ufficialmente presentato alla stampa poco prima dell’inizio di una partitella in famiglia, peraltro aperta al pubblico, in cui potrà incominciare a trarre le prime indicazioni in vista poi degli impegni ufficiali.

Subentrato giovedì all’esonerato Luciano Foschi, Bonazzoli è consapevole di dover centrare a Lecco un’impresa non da poco ma anche di avere una gran chance per dimostrare le sue doti di allenatore. Mister Bonazzoli trova un Lecco ultimissimo con un solo punto conquistato nelle prime 6 di campionato. Una situazione difficile. "La prima cosa che ho detto ai ragazzi è che il lavoro effettuato nel corso della settimana lo si ritrova poi la domenica – ha detto Bonazzoli –. In questi giorni ho conosciuto gli uomini dello staff e, insieme, stiamo preparando la partita importantissima di Ascoli. Vogliamo far punti e muovere la classifica. Sono qui per portare tutta la mia esperienza perché voglio aiutare la squadra ad uscire dalle zone basse della classifica".

Bonazzoli si avvarrà dell’aiuto dell’allenatore in seconda Andrea Malgrati che, secondo le prime parole del mister, avrà un ruolo importante. "Sicuramente la mia esperienza da ex attaccante la porterò tutta a favore degli attaccanti e dei trequartisti. Per quel che riguarda la fase difensiva abbiamo Andrea (Malgrati ndr) che è stato un difensore importante per la storia del Lecco. Lavoreremo sui vari reparti, in sinergia".

Sul passaggio dalla D alla B Bonazzoli è sincero. "Non temo il doppio salto, mi piace questa sfida…La B è cambiata parecchio dai miei tempi, il calcio cambia e bisogna rimanere sempre aggiornati". Sul modulo. "La squadra è fondata sul 3-5-2 e anche io da un paio di anni ho portato avanti questa idea tattica. Non nascondo che ci possano essere dei cambiamenti, ne abbiamo già parlato coi ragazzi. Vedremo…".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su