Tenta raid in piscina, i carabinieri lo trovano nella doccia

Tenta raid in piscina, i carabinieri lo trovano nella doccia
Tenta raid in piscina, i carabinieri lo trovano nella doccia

Scardinando una porta, si è introdotto all’interno del centro sportivo e delle piscine di via Papa Giovanni XXIII, tentando di commettere un furto, alle 2 della note tra lunedì e martedì. Per entrare, ha utilizzato due scalpelli in ferro modificati, con i quali ha forzatolo stipite riuscendo a farlo cedere, ma allo stesso tempo ha fatto scattare l’allarme. Così l’uomo, Davide Palazzo, 41 anni di Lampedusa, è stato sorpreso da una pattuglia dei carabinieri del Radiomobile di Cantù: i militari sono arrivati in pochi attimi, avvisati dalla centrale operativa che ha ricevuto l’alert, mentre ancora era in corso l’incursione, e lo hanno bloccato, impedendo che portasse a termine il furto. Palazzo è stato trovato dopo aver ispezionato alcuni locali, nascosto all’interno di una doccia, con gli arnesi da scasso ancora tra le mani. Arrestato per tentato furto aggravato, è stato processato ieri mattina per direttissimo e scarcerato dopo la convalida dell’arresto, in attesa del rinvio del processo. È stato inoltre denunciato per il possesso degli attrezzi da scasso, che sono stati sequestrati. Pa.Pi.