Quotidiano Nazionale logo
30 mar 2022

Presunte minacce a un passeggero Al giudice i video

Un controllore sul bus venne denunciato dal viaggiatore senza biglietto

La discussione sul bus è degenerata
La discussione sul bus è degenerata
La discussione sul bus è degenerata

Sono state prese in visione le immagini di servizio sui bus di LineeLecco per l’episodio dell’ottobre 2019, quando un giovane passeggero originario del Senegal avrebbe subito violenza privata e minaccia aggravata da due vigilantes. Uno dei vigilantes ha già chiuso il conto con la giustizia, mentre l’altro ha scelto il processo per dimostrare che i fatti sono andati in altro modo, rispetto alla denuncia presentata dall’extracomunitario.

E un primo risultato Girolamo Iacono, 51 anni, l’ha ottenuto ieri: il suo legale ha depositato tre video che sono stati visionati dal giudice monocratico Martina Beggio, e come ha evidenziato il legale nel presentare i video non si riscontrano atti di violenza. Il processo non ha potuto proseguire perché la Procura di Lecco si è dimenticata di citare i suoi testi. Il processo è stato aggiornato a giugno quando saranno sentiti i testi, che ricostruiranno in aula quanto accaduto sul bus. Secondo le indagini il giovane extracomunitario era privo di ticket, il ragazzo venne multato e la discussione degenerò.

Uno dei due controllori rimediò un pugno che gli costò una prognosi di una settimana ma anche il passeggero fu curato al Pronto Soccorso dell’ospedale Manzoni. Alle minacce seguirono denunce e ora è a processo uno dei vigilantes. A.Pa.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?