La città nella morsa del traffico. Infrastrutture e scelte green le armi della Giunta comunale

Lecco, il sindaco Mauro Gattinoni guarda avanti: "Il maggiore contributo strutturale sarà offerto dal quarto ponte in uscita dal nostro capoluogo. A breve anche il piano biciplan".

La città nella morsa del traffico. Infrastrutture e scelte green le armi della Giunta comunale
La città nella morsa del traffico. Infrastrutture e scelte green le armi della Giunta comunale

Ci sono un nuovo lungolago e un cambiamento della viabilità nel futuro prossimo di Lecco. Il rifacimento della passeggiata, un progetto da dieci milioni di euro, verrà affidato nei prossimi giorni insieme alla ristrutturazione di Villa Manzoni, con i lavori che dovrebbero partire entro i prossimi due mesi.

Poi c’è il nodo traffico, uno dei nervi scoperti di Lecco, nonostante il sistema di tunnel sotterranei che hanno permesso di non sommare alla viabilità ordinaria le auto e i camion diretti verso la Valtellina. "Affrontiamo la strategia di decongestionare la città nelle ore di punta attraverso due strumenti - spiega il sindaco Mauro Gattinoni (foto) - quello delle infrastrutture e quello dei comportamenti. Sul primo fronte abbiamo ben lavorato con la rimozione dei semafori e il nuovo sistema funzionale di rotatorie che, nel 2024, renderemo definitive a eccezione di quella del Teatro. A breve approveremo il piano delle vie ciclabili biciplan, ma il maggiore contributo strutturale sarà offerto dal quarto ponte in uscita da Lecco". La nuova infrastruttura è stata pensata per compensare i flussi in caso di blocco della SS36, una situazione che nelle ultime settimane si è verificata frequentemente. "Eviteremo che la città venga travolta da quelle auto e da quei mezzi pesanti che normalmente dovrebbero viaggiare altrove. Sul lato dei comportamenti individuali, sulla scelta, ove possibile, di usare mezzi alternativi all’auto privata, confermiamo il trasporto gratuito per tutti i ragazzi fino a 19 anni con il "Ti porto io!". Ora il nuovo piano per la sosta e la gestione della Ztl porranno regole e condizioni nuove che renderanno conveniente e razionale modificare un poco le proprie abitudini, a vantaggio di una migliore vivibilità complessiva". Fra le opere da assegnare tra la fine dell’anno in corso e l’inizio del prossimo c’è anche il Teatro della Società, che attende la conclusione dei lavori per l’apertura definitiva, il completamento della ristrutturazione della elementare Carducci di Castello e i lavori alla De Amicis.