Comune truffato. L’accusa chiede otto mesi

LECCO Otto mesi di reclusione. È la richiesta di condanna avanzata dalla Procura di Lecco...

Comune truffato. L’accusa  chiede otto mesi
Comune truffato. L’accusa chiede otto mesi

LECCO

Otto mesi di reclusione. È la richiesta di condanna avanzata dalla Procura di Lecco nei confronti di Sergio Tosi e Fabio Grisotto. I due sono a processo davanti al giudice monocratico del tribunale di Lecco, Giulia Barazzetta, per una presunta truffa ai danni del Comune di Lecco tra il 2017 e il 2019, quando avevano in gestione il centro sportivo Bione. L’esposto depositato il 30 settembre 2019 da un’ex dipendente, Carla Silva, ha fatto scattare l’indagine della Guardia di Finanza di Lecco.

Le Fiamme Gialle hanno scoperto la differenza tra quanto fatturato da Sport Management e quanto avrebbe dovuto versare nelle casse del Comune. Secondo l’appalto, la società con sede a Verona doveva versare il 23,99% degli incassi al Comune di Lecco. Le indagini dei finanzieri hanno interessato il periodo 2017-19 e secondo quanto emerso Sport Management avrebbe omesso di segnalare alcuni incassi, versando cifre inferiori: per questo motivo i due manager, Sergio Tosi e Fabio Grisotto, all’epoca dei fatti rispettivamente presidente e direttore generale della società, sono finiti a processo con l’accusa di truffa. Dagli accertamenti dei finanzieri, i mancati versamenti al Comune sarebbero pari a 5mila euro per l’ultimo quadrimestre del 2017, 44mila per il 2018 e 32mila nel 2019. lI Comune si è costituito parte civile nel processo, mentre l’ex dipendente che ha fatto scattare l’inchiesta ha confermato durante l’udienza la differenza. Al termine della requisitoria il Pm Mattia Mascaro ha chiesto la condanna per entrambi a 8 mesi di reclusione e 800euro di multa, mentre i difensori dei due imputati l’assoluzione. La parte civile ha chiesto la restituzione degli 81mila euro o in alternativa 50mila euro di provvisionale e la restante quota da definire.

Angelo Panzeri