Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 giu 2022

L'allarme degli psichiatri: con la guerra crescono isolamento e depressione

La tesi: gli allarmi continui riferiti ad un conflitto mondiale alle porte hanno contribuito, dopo due anni di pandemia, a scoperchiare il “vaso di Pandora” della salute mentale

11 giu 2022
Il mattino del 6 agosto 1945 alle ore 8:15 l'aeronautica militare statunitense sganciò la bomba atomica "Little Boy" sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell'ordigno "Fat Man" su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100 000 a 200 000, quasi esclusivamente civili. 
Per la gravità dei danni diretti e indiretti causati dagli ordigni e per le implicazioni etiche comportate dall'utilizzo di un'arma di distruzione di massa, si è trattato del primo e unico utilizzo in guerra di tali armi.
1945, la bomba atomica su Hiroshima
Il mattino del 6 agosto 1945 alle ore 8:15 l'aeronautica militare statunitense sganciò la bomba atomica "Little Boy" sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell'ordigno "Fat Man" su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100 000 a 200 000, quasi esclusivamente civili. 
Per la gravità dei danni diretti e indiretti causati dagli ordigni e per le implicazioni etiche comportate dall'utilizzo di un'arma di distruzione di massa, si è trattato del primo e unico utilizzo in guerra di tali armi.
1945, la bomba atomica su Hiroshima

La guerra in Ucraina, con le immagini dei morti e gli allarmi continui riferiti ad un conflitto mondiale alle porte hanno contribuito, dopo due anni di Pandemia, a scoperchiare il cosiddetto “vaso di Pandora” della salute mentale. Se il lockdown e il distanziamento sociale avevano fatto crescere a dismisura le richieste di aiuto psichico, ora il timore della guerra torna ad alimentare la paura per il vicino, favorendo isolamento, depressione e altre patologie della psiche. A lanciare l’allarme sono psichiatri ed esperti del mondo della psicoterapia.

“L’ultimo report sulla Salute Mentale che risale al 2020 parla chiaro: circa 730mila persone in Italia hanno avuto bisogno di cure psichiatriche, di queste ben 232mila per la prima volta hanno fatto ricorso ai servizi ma quello che più preoccupa è il sommerso, ovvero migliaia di giovani e anziani, spesso soli, che vivono come uno stigma il disagio mentale e che, complice anche i servizi ridotti all’osso, non trovano spesso assistenza”, spiega Marina Smargiassi, presidente della comunità Maieusis, cooperativa sociale con sede a Fiano Romano in provincia di Roma, accreditata presso il Sistema Sanitario Nazionale, che opera da decenni nel campo della psicoterapia residenziale intensiva.

Per lo psichiatra psicoterapeuta Saverio Simone Caltagirone, “il distanziamento sociale, il percepire l’altro come un pericolo e il coprire una parte della nostra mimica nel tempo hanno determinato dei problemi in chi si sta formando tramite la relazione con l’altro, prevalentemente nei giovani, la conoscenza di se stessi. Durante la pandemia - spiega lo psichiatra - il problema era codificare il proprio mondo emotivo all’interno di tutti questi messaggi ove le persone, divenute più estranee e indecifrabili perché mascherate e distanti, avrebbero potuto ucciderci tramite un virus.

Le numerose aggressioni commesse oggi dai più giovani possono trovare le radici in questi temi”. Da questo punto di vista, “anche la guerra è un elemento cataclismatico che crea enormi problemi. I ragazzi sono particolarmente sensibili e il lavoro nella comunità terapeutica è strutturato affinché ci siano dei spazi specifici, come anche il laboratorio di attualità, con l’obiettivo di far comprendere questo insieme di informazioni che sono particolarmente divisive e ansiogene”, conclude Caltagirone.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?