Quotidiano Nazionale logo
10 feb 2022

L'11 febbraio è la Giornata delle donne nella scienza: ecco perché si celebra

Nel mondo le donne sono il 33,3% dei ricercatori e sono presenti solo per il 12% nelle Accademie scientifiche

Ricercatrici sperimentano nuovo sistema tamponi orali salivari da fare anche a casa, ricercatrici durante test di laboratorio, Ospedale San Paolo, Milano, 2 Novembre, 2020,  ANSA/Andrea Fasani
Ricercatrici

Donne e scienza, donne nella scienza: c'è ancora molto da fare per abbattere gli stereotipi che rendono le materie scientifiche troppo spesso ancora "cosa da maschi". Per questo sette anni fa l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha istituito l'International Day of Women and Girls in Science, la Giornata mondiale delle donne e delle ragazze nella scienza che cade proprio domani, 11 febbraio. Obiettivo: rompere i pregiudizi e gli ostacoli all'origine del divario che ancora esiste nel mondo della ricerca, dove gli uomini sono ancora in netta maggioranza.

Superare il gap è l'obiettivo principale ma altrettanto importante superare i condizionamenti sociali che ancora allontanano tante ragazze dagli studi scientifici. Sebbene stia progressivamente aumentando il numero delle ricercatrici, oggi come nel 2015 la parità di genere nel mondo della ricerca è un obiettivo che richiede ancora molto lavoro.

I numeri 

Ancora oggi, rileva l'Onu sul sito dedicato alla Giornata, le donne sono il 33,3% dei ricercatori e sono presenti solo per il 12% nelle Accademie scientifiche. È una disparità che si prospetta anche nel futuro, considerando quanto poco le donne siano rappresentare in settori emergenti, come l'intelligenza artificiale, dove solo un professionista su cinque (22%) è una donna, e sono ancora poche le donne che si laureano in ingegneria (28%) e in informatica (40%). È un problema diffuso anche in Italia, dove solo il 16% delle ragazze si laurea in facoltà scientifiche contro il 37% dei ragazzi.

Gli appuntamenti 

Sono centinaia gli eventi in programma in tutto il mondo e sono numerosi anche gli appuntamenti in Italia, sia in presenza sia online. La Woman Science Day parte da 'Y 4 X', la campagna internazionale nella quale si chiede a uomini e ragazzi e di scendere in campo contro gli stereotipi e i comportamenti 'tossicì che alimentano le discriminazioni, e prosegue con 'One-Billion Voices for Research & Development', il grande incontro online il cui obiettivo è sensibilizzare ai temi della parità di genere, fino a 'Writing Science in Braille', contro la discriminazione delle ricercatrici ipovedenti. In vista della Giornata sono state presentate le due vincitrici, Gaia Giannone e Stefania Morganti, delle borse di studio per la ricerca dedicata all'oncologo Gianni Bonadonna, in un'iniziativa organizzata dalla Fondazione Bonadonna con il sostegno del Gruppo Prada e della Fondazione Airc.

Il sito di riferimento della Giornata è quello ufficiale (www.womeninscienceday.org) e a cercare di sensibilizzare sul tema sono decine di iniziative anche in Italia, come "ResearcHER - Prospettive di Scienza", organizzata da Università dell'Aquila e Gran Sasso Science Institute (Gssi) da parte di istituzioni e centri di ricerca, come quelle di Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) e Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), e tantissime altre organizzate da associazioni, come 'She is a Scientist', e università, con incontri e confronti online sui temi della disparità. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?