Coronavirus
Coronavirus

Milano, 16 settembre 2020 - In Lombardia sono 159 i casi di coronavirus accertati nelle ultime 24 ore. Due i decessi, stabili rispetto a ieri (per un totale di 16.905 vittime da inizio emergenza Covid-19). In diminuzione, ma comunque significativo, il numero di tamponi processati, oggi 17.831 (per 19.399 per 176 casi). Stabile il rapporto tamponi/casi, oggi allo 0,89%, martedì allo 0,9%. Dei nuovi contagi 18 sono "debolmente positivi", 9 derivano da test sierologici. Si conferma il trend positivo dei guariti/dimessi (+152). Aumentano di uno i ricoverati in terapia intensiva (totale 30) e i ricoverati negli altri reparti (totale 264).

I dati di mercoledì 16 settembre

I dati delle province

Per il secondo giorno consecutivo, la provincia di Bergamo, tra le più colpite in Italia e nel mondo, registra solo 4 casi, come ieri. Se la provincia di Sondrio oggi si presenta come "covid-free", quindi senza alcun caso, quella di Milano ne conta 60, di cui 24 nel capoluogo lombardo. La provincia di Monza e Brianza, con 15 positivi in più rispetto a ieri, supera quella di Brescia, che ne presenta 14. Per quanto riguarda le rimanenti province lombarde i casi sono a Varese 13, a Lodi 14, a Pavia 6, a Mantova 10, a Como, Cremona e Lecco 2.

Lombardia terza per nuovi contagi

In Italia sono 1.425 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore, e 12 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.645. Nelle ultime 24 ore in tutto il Paese sono stati eseguiti 100.607 tamponi, per un totale di 10.044.551 da inizio emergenza. Il totale dei dimessi/guariti è di 215.265 (+620), mentre il totale degli attuali positivi è di 40.532 (+820). Attualmente sono 2.285 i ricoverati con sintomi, di questi 207 si trovano in terapia intensiva, mentre in isolamento domiciliare ci sono 38.040 persone. Le regioni dove è stato registrato il maggior numero di nuovi casi, nelle ultime 24 ore, sono Campania (186), Lazio (165), Lombardia e Veneto (159), Piemonte (117), Emilia Romagna (106). (I dati regione per regione / PDF)

Pesenti: il pericolo Covid-19 non è passato

Come sottolineato da Antonio Pesenti, direttore del dipartimento di Uoc Anestesia-Rianimazione del Policlinico di Milano e coordinatore delle terapie intensive nell'Unità di crisi della Regione Lombardia per l'emergenza coronavirus "i malati ricoverati in questi giorni in terapia intensiva per Covid-19 in Lombardia sono una trentina (30 secondo l'aggiornamento diffuso oggi dalla Regione, ndr)". "Non c'è grande movimento, ma questi malati sono malati gravi come quelli di marzo . ha aggiunto -. E mi aspetto una mortalità simile, intorno al 40%. Per la prossima stagione invernale è purtroppo difficile fare previsioni adesso. E bisogna vedere per esempio cosa succede dopo l'apertura delle scuole, il cui impatto si potrebbe rilevare fra circa 20 giorni. Quello che è sicuro è che c'è necessità di continuare a occuparci del problema Covid, perché non è passato. Se sbagliamo torna fuori".