Milano, 29 settembre 2018 - Stop ai vecchi diesel. Da lunedì 1 ottobre e fino al 31 marzo 2019 entrano in vigore le norme dettate dall'Accordo di Bacino Padano per la limitazione dell'inquinamento. Questo significa che, salvo eccezioni, in alcune zone delle Regioni che hanno sottoscritto il protocollo - Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte - verrà limitata la circolazione dei veicoli diesel di categoria inferiore o uguale a Euro 3 che non potranno essere utilizzati nei giorni feriali almeno dalle 8.30 alle 18.30. Il provvedimento prevede che "la limitazione si applichi prioritariamente nelle aree urbane dei comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti presso i quali opera un adeguato servizio di trasporto pubblico locale, ricadenti in zone presso le quali risulta superato uno o più dei valori limite del PM10 o del biossido di azoto NO2".

In Lombardia sono 214 i comuni coinvolti nel blocco dei veicoli diesel Euro 3. A Milano il blocco riguarda 32.500 vetture e 12.500 furgoni diesel Euro 3 che non potranno circolare nei giorni feriali dalle 7.30 alle 19.30. Secondo quanto previsto dall'articolo 13-bis del Codice della Strada, "chi circola con veicoli appartenenti, relativamente alle emissioni inquinanti, a categorie inferiori a quelle prescritte è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 163 a 65 euro". Nel caso di una reiterazione della violazione nell'arco di due anni, si verrà condannati alla sanzione amministrativa accessoria che prevede la sospensione della patente di guida da quindici a trenta giorni.

Il provvedimento sarà rinnovato a ottobre 2019 e, anzi, si allargherà: "La limitazione è estesa alla categoria 'Euro 4' entro il 1 ottobre 2020, alla categoria 'Euro 5' entro il 1 ottobre 2025.