Cremonese: per il match-salvezza con il Lecce Ballardini punterà ancora sul 3-5-2

I grigiorossi domani tornano a concentrarsi sul Campionato e devono conquistare la prima vittoria stagionale con i salentini dell'ex Baroni

Davide Ballardini
Davide Ballardini

La Cremonese domani (si parte alle 15) ospiterà il Lecce per quella che non a caso è stata definita una nuova “finale”. È il direttore sportivo Simone Giacchetta a sintetizzare lo spirito che dovrà animare la formazione grigiorossa, distante ben dieci punti dalla salvezza: “Mi auguro che la partita a Roma non rimanga fine a se stessa, ma dia la consapevolezza alla squadra di avere risorse e qualità per affrontare il Campionato”.

Nella delicata sfida con i salentini degli ex Colombo, Strefezza, Di Francesco e mister Baroni, la Cremonese ha a disposizione un solo risultato per continuare a credere nel suo inseguimento. In questo duello tra matricole i grigiorossi devono dare tutto per conquistare la sospirata prima vittoria di questa stagione in serie A, una mancanza troppo prolungata che rischia di trasformarsi in una nefasta zavorra per le speranze della compagine di mister Ballardini. Il tecnico, che ha avuto certamente un impatto molto positivo sin dal suo arrivo a Cremona, domani non potrà contare sugli infortunati Lochoshvili, Quagliata e Buonaiuto, mentre potrà fare affidamento sui nuovi innesti a centrocampo, Benassi e l’ultimo arrivato Galdames, che è già sceso in campo per il finale di partita mercoledì all’Olimpico.

Al di là dei concetti di attenzione e adeguata gestione della palla (sia nella fase di possesso che in quella di non possesso) che mister Ballardini sta ripetendo a più riprese ai suoi giocatori, salvo sorprese in questo momento francamente poco credibili, il tecnico grigiorosso dovrebbe affrontare il match per la salvezza con il Lecce puntando ancora sul 3-5-2 che gli ha permesso di trasmettere ordine e identità alla sua squadra, che intende togliersi di dosso al più presto la scomoda etichetta di fanalino di coda della serie A.

Il gruppetto delle pericolanti sembra assottigliarsi, ma con tre punti “sonanti” la Cremonese può far capire di voler credere fino in fondo nella salvezza. Attenzione, naturalmente, alle opposte intenzioni dei giallorossi di Baroni, che a loro volta non possono rimanere a mani vuote, ma la consapevolezza di ritrovarsi davanti ad una nuova “gara ad eliminazione diretta” può trasmettere ai grigiorossi la forza e la convinzione per far vedere che questo gruppo può meritare di rimanere in serie A. PROBABILI FORMAZIONI: Cremonese (3-5-2): Carnesecchi; Ferrari (Bianchetti), Chiriches, Vasquez; Sernicola, Meité, Castagnetti, Pickel, Valeri; Dessers, Okereke. All: Ballardini. Lecce (4-3-3): Falcone; Gendrey, Baschirotto, Umtiti, Pezzella; Gonzalez (Maleh), Hjulmand, Blin; Strefezza, Colombo, Banda (Di Francesco). All: Baroni.