Pierpaolo Bisoli
Pierpaolo Bisoli

Cremona, 30 giugno 2020 - La Cremonese torna da Salerno con un solo punto e tanta rabbia. Ai grigiorossi non è infatti bastato portarsi sul 2-0 e poi tornare avanti 3-2 a 5’ dalla fine. I campani sono infatti riusciti a raddrizzare una sfida infinita all’ultimo istante dei 6’ di recupero, sfruttando il secondo rigore di giornata per un pareggio che suona a buon diritto come ghiotta occasione sciupata per la formazione di mister Bisoli. La gara si preannuncia molto importante per entrambe le contendenti, che non possono sbagliare e sono obbligate a raccogliere punti per uscire da una situazione assai delicata. Sono i grigiorossi a partire meglio e in avvio è Celar a creare qualche problema alla retroguardia campana.

Dapprima non riesce a raggiungere un pallone in profondità, mentre al 6’ punisce freddamente un errore di Jaroszynski e si invola verso Micai, firmando il gol che indirizza subito il match sul binario desiderato dagli ospiti. I due allenatori, a questo punto, modificano gli schieramenti in campo con una serie di mosse e contromosse che cambiano l’assetto delle due squadre, ma il copione è abbastanza definito. Gli amaranto mantengono maggiormente il possesso della palla, ma gli ospiti chiudono con ordine tutti i varchi e la rete difesa da Ravaglia non corre particolari pericoli. Le emozioni tardano ad arrivare, ma al 24’ la Cremonese va vicina al raddoppio.

Un cross di Bianchetti mette in difficoltà Micai, che sbaglia l’uscita, Celar riesce a colpire di testa, ma di poco non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Zortea e Lombardi danno vita ad un avvincente duello a tutto campo, ma nessuno dei due riesce a prevalere e tocca a Di Tacchio costruire l’opportunità più interessante sul finire del primo tempo con una secca sventola che al 40’ costringe Ravaglia ad un intervento impegnativo. La prima frazione di gioco si chiude con un insidioso stacco di testa di Mogos che rimane senza esito, ma la ripresa si apre nel segno dei grigiorossi che nei primi minuti si rendono minacciosi con Celar e Ravanelli. La compagine dell’ex ct Ventura cerca di raddrizzare la situazione, ma Djuric e Di Tacchio vengono fermati dall’attenta retroguardia lombarda. Al 12’ la squadra di Bisoli torna a rendersi pericolosa sugli sviluppi di un angolo con Ciofani, imitato poco dopo da un pimpante Celar. Proprio lo sloveno firma la doppietta personale al 22’ ribattendo in rete una respinta di Micai su secca conclusione di Mogos.

Il 2-0 sembra ipotecare la desiderata vittoria per i grigiorossi, ma al 27’ Dziczek trasforma un rigore per un mani di Arini lascia gli ospiti in inferiorità numerica. Partita completamente riaperta, con i campani che, a questo punto, sentono il profumo del pareggio che arriva al 34’ al termine di una insistita azione offensiva. Dapprima Cerci colpisce il palo e poi Di Tacchio si trova al posto giusto pe rinsaccare il gol del 2-2. Tutto da rifare per la squadra di Bisoli, che ha il grande merito di non perdere la testa nonostante l’inferiorità numerica, mentre Lombardi 1’ più tardi ristabilisce la parità numerica in campo incappando in un brutto gesto di reazione.

Ristabilita la parità da ogni punto di vista, le due contendenti cercano lo spunto vincente e dopo un minaccioso guizzo di Cerci rimasto senza esito, al 41’ Zortea riporta in vantaggio i grigiorossi con un beffardo tiro-cross che supera Micai. La Cremonese cerca di tenere stretti tre punti che sarebbero d’oro, ma l’incredibile sfida dell’Arechi non è ancora finita e al 6’ ed ultimo minuto di recupero un intervento di Claiton su Jallow viene punito con il secondo rigore di giornata per i padroni di casa nonostante le proteste degli ospiti per un fuorigioco dell’attaccante amaranto. Sul dischetto si porta Di Tacchio che firma il definitivo pareggio che non punisce nessuna delle due generose contendenti, ma serve poco ad entrambe.

Salernitana-Cremonese 3-3 (0-1)

Salernitana (3-5-2): Micai 5,5, Karo 6, Migliorini 6, Jaroszynski 5,5; Lombardi 6, Dziczek 6,5 (31’ st Akpa Akpro 6), Di Tacchio 6,5, Maistro 6 (17’ st Gondo 6), Lopez 6,5; Djuric 6,5 (17’ st Jallow 6), Giannetti 6 (31’ st Cerci 6). A disposizione: Vannucchi; Billong; Curcio; Capezzi; Kiyine; Ata; Heurtaux. All: Giampietro Ventura 6.
Cremonese (4-3-3): Ravaglia 6; Bianchetti 6, Terranova 6,5, Ravanelli 6,5, Zortea 6,5 (43’ st Castagnetti sv); Valzania 6,5, Arini 6, Gustafson 6; Mogos 6,5 (29’ st Crescenzi 6), Ciofani 6 (29’ st Parigini 6), Celar 6,5 (43’ st Claiton sv). A disposizione: Volpe; Gaetano; Kingsley; Palombi; Ceravolo. All: Pierpaolo Bisoli 6,5.
Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze 5.
Reti:6’ pt e 22’ st Celar; 27’ st Dziczek (rig.); 34’ st Di Tacchio; 41’ st Zortea; 51’ st Di Tacchio (rig.).
Note: ammoniti: Arini; Parigini; Lopez; Di Tacchio; espulsi: Arini (27’ st); Lombardi (35’ st) Bisoli (53’ st) – angoli: 10-4 per la Cremonese – recupero: 2’ e 6’.