Cremona, operato al cervello per un tumore da sveglio: "E intanto suonavo il tamburo"

L’intervento per rimuovere una massa tumorale a un ricercatore 39enne. Il primario Antonio Fioravanti: tenerlo attivo è stato decisivo per preservare un’area delicata

Sergio con lo staff medico che lo ha operato
Sergio con lo staff medico che lo ha operato

Cremona – Tu suona pure, io intanto ti opero al cervello. Sembra incredibile, ma è proprio quanto è successo qualche giorno fa, grazie alle nuove tecnologie nel campo della chirurgia.

L’équipe di Neurochirurgia dell’ospedale di Cremona, diretta da Antonio Fioravanti, ha eseguito il 65esimo intervento complesso di chirurgia da sveglio. Il paziente – Sergio, 39 anni, fisico criogenico, ricercatore a Barcellona – sta bene. Seduto sul letto dell’ospedale, gambe incrociate, non si capacita di quello che è accaduto: "Mi fa impressione pensare che qualcuno abbia toccato il mio cervello, il luogo dei pensieri, dei sentimenti e della memoria; una specie di organo sacro, ben protetto nella sua scatola cranica".

Dell’intervento Sergio ricorda poco: la preparazione, il momento dell’anestesia e un sapore cattivo in bocca. E ancora: i medici che lo chiamano per nome mentre è sotto i ferri, il risveglio e l’occhio destro che non si apre bene. In sala operatoria riconosce la musica di sottofondo che ha scelto e, su indicazione dei sanitari, comincia a tenere il ritmo, con gesti fluidi e precisi, battendo su due piccoli tamburi recuperati per l’occasione. Alle sue spalle, i chirurghi stanno ultimando le manovre per rimuovere un grosso tumore dall’insula: "Un’area molto delicata del cervello da cui dipendono funzioni importanti come il linguaggio, il movimento e la creatività. Per questo - spiega il primario Fioravanti - far suonare il paziente durante l’operazione è stato clinicamente decisivo". Sergio, che sino a qualche anno fa suonava la batteria, racconta: "Mai avrei pensato di esibirmi in sala operatoria in una condizione così difficile, mi sembrava di vivere dentro un sogno".

La diagnosi di glioma (a basso grado) era arrivata il 10 novembre scorso, dopo alcuni accertamenti fatti in un ospedale di Barcellona, in seguito a improvvise crisi epilettiche. Da quel momento ci sono stati due consulti in Spagna (dove Sergio vive da otto anni) e uno in Italia, poi la visita in telemedicina con la Neurochirurgia di Cremona e la scelta di farsi operare qui. "La chirurgia da sveglio, praticata qui da cinque anni - racconta il primario - è una metodica molto sofisticata che consente di interagire con il paziente durante l’operazione. Questo garantisce un doppio controllo in tempo reale rispetto all’andamento dell’intervento che, nel caso specifico, era molto complesso. Sergio, infatti, è ambidestro e bilingue: riuscire a preservare entrambe le funzioni era il nostro obiettivo. Per raggiungerlo, oltre all’interazione fra medico e paziente, in sala operatoria abbiamo utilizzato anche il navigatore, una guida di massima precisione che, insieme alla fluorescenza ci ha aiutato circoscrivere l’area da rimuovere e creare le migliori condizioni per mantenere integre le sue abilità".

La chirurgia da sveglio è una tecnica molto coinvolgente: "Si crea una relazione simbiotica con il paziente, ogni volta è un’emozione diversa. Mentre parlavo con Sergio e lui rispondeva, muoveva le mani, suonava, mi rendevo conto dell’andamento dell’intervento", conclude Fioravanti. Al suo fianco c’erano Carmine D’Onofrio (Neurochirurgo), Ettore Bresciani (specializzando in neurochirurgia), Elena Grappa (Neuroanestesista), Sara Subacchi (Neuropsicologa), Sara Erico e Marina Cusumano (infermieri strumentisti), Erica Maestri (infermiera di sala), Laura Carini e Galelli Beatrice (nurse d’anestesia), Valentina Lanza e Chiara Castellazzi (tecnici di neurofisiologia).