Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 lug 2022

Caso Pamiro, i periti e l’auto: "La macchia non è sangue"

I test dicono che la traccia repertata sulla Citroë n è di materiale biologico Ma il Dna non è compatibile con quello del prof trovato senza vita a Crema

22 lug 2022
gabriele moroni e piergiorgio ruggeri
Cronaca
Cremona Tribunale il padre di Pamiro e gli avvocati in udienza
Mauro Pamiro
Cremona Tribunale il padre di Pamiro e gli avvocati in udienza
Mauro Pamiro

Crema  (Cremona) -  Non è sangue ma materiale biologico la macchia scura trovata sul sedile posteriore dell’auto di Mauro Pamiro e Debora Stella. Il Dna estratto non è compatibile con quello di Pamiro. Queste le conclusioni dei periti nominati dal gip di Cremona, Giulia Masci, per fare luce sulla fine di Mauro Pamiro, insegnante di informatica e musicista di Crema, trovato morto il 29 giugno di due anni fa nel cantiere di una casa in costruzione, in via don Mazzolari, a Crema. La macchia, di 3x3 centimetri, era stata trovata durante l’ispezione del 12 luglio sulla C3 in uso alla coppia, eseguita nel cortile del commissariato di Crema. Per l’esame erano stati usati sia i l luminol sia il Combur Test. Debora Stella è indagata per omicidio come atto dovuto. Se la traccia fosse stata di natura ematica si sarebbe potuta aprire qualche nuova, eventuale strada nel mistero. Ma toglie ogni dubbio il risultato cui sono giunti i periti incaricati dal gip, Pasquale Linarello, ex componente della Sezione di biologia dei Ris di Parma, genetista e responsabile del laboratorio di genetica forense del Laboratorio del Genoma di Milano, e Oscar Ghizzoni, ufficiale in congedo dei Ris di Parma e Roma, specializzato in chimica, tossicologia, infiammabili e dattiloscopia. Chiusa una pagina, resta aperta quella di lunedì: l’esame con il Luminol nell’abitazione dei coniugi Pamiro, in via Biondini, a poche centinaia di metri dal luogo dov’era stato rinvenuto il cadavere. Fissato come per l’auto nella giornata del 12 luglio, l’esame era stato rinviato martedì perché il caldo eccessivo e la luce lo rendevano impossibile. L’esame con il Luminol richiede infatti totale oscurità. L’appuntamento è per lunedì alle 18.30 davanti alla casa. I periti entreranno per controllare ancora una volta l’abitazione, ma è molto probabile che per iniziare l’accertamento vero e proprio si dovrà ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?