Erba, concerto letterario nel nome di Antonio Ghislanzoni

L’appuntamento è per sabato, alle 18, alla biblioteca comunale in occasione del bicentenario dalla nascita di Antonio Ghislanzoni

Antonio Ghislanzoni
Antonio Ghislanzoni

Il Quartetto sforzesco offre un concerto letterario presso la sala mostre della Biblioteca comunale "Giuseppe Pontiggia" di Erba in occasione del bicentenario dalla nascita di Antonio Ghislanzoni.

L’appuntamento è per sabato 3 febbraio, alle 18 (ingresso libero) con Alessandro Bares e Claudia Monti (violini), Nicola Pietro Curioni (viola) e Claudio Frigerio (violoncello) Con la partecipazione del ballerino classico Leonardo Bares, membro stabile dell’Atlantic City Ballet (USA).

Antonio Ghislanzoni è stato un letterato italiano nato a Lecco nel 1824. È noto soprattutto come librettista d'opera: il suo libretto più famoso è quello per l’Aida di Giuseppe Verdi, ma ne scrisse molti altri. Pubblicò anche brevi romanzi e racconti, di cui molti di argomento musicale. Durante il concerto si alterneranno esecuzioni musicali di brani di Mozart, Beethoven e Berg a letture dai racconti di Antonio Ghislanzoni.

 

Con la partecipazione del ballerino classico Leonardo Bares, membro stabile dell’Atlantic City Ballet (USA)

Antonio Ghislanzoni: è lecchese il librettista dell’Aida di Verdi Antonio Ghislanzoni (Barco di Maggianico -Lecco, 25 novembre 1824 – Caprino B.sco, 16 luglio 1893) fu compagno di Antonio Stoppani alla scuola elementare poi, per volontà del padre direttore dell’ospedale cittadino, entra in seminario dal quale viene espulso a causa del suo carattere insofferente e di rifiuto verso l’autorità e l’educazione religiosa. Si iscrive a medicina ma resta affascinato dal mondo della musica, tanto da non concludere gli studi per dedicarsi al canto firmando un contratto come primo baritono assoluto per il teatro Carcano di Milano. La sua versatilità si manifesta anche grazie a innumerevoli collaborazioni con quotidiani e periodici, che pubblicavano spesso suoi romanzi e racconti. Unitamente alla prosa si dilettò anche con la poesia. Antonio Ghislanzoni: librettista d’opera Musica e scrittura si intrecciano facendolo emergere come uno delle figure di rilievo nel campo dei librettisti d’opera, tratto per il quale è maggiormente conosciuto. Porta il nome di Lecco nel mondo grazie a all’opera più celeberrima di Giuseppe Verdi, per il quale scrive il libretto dell’Aida. Per lo stesso compositore: