Un vivaio (Immagine di repertorio Fotocastellani)
Un vivaio (Immagine di repertorio Fotocastellani)

Brescia - Serre e vivai a rischio nel Bresciano per il caro bolletta. Lo afferma Coldiretti Brescia, che sottolinea come la prossima primavera si potrebbe verificare una diminuzione delle specie più comuni come primule e ciclamini. "L’impennata dei costi energetici ha un impatto pesante sulle produzioni in serra", conferma Fausto Dester, presidente Associazione florovivaisti di Brescia. Non solo le bollette dell’energia elettrica sono rincarate. Per le operazioni colturali gli agricoltori devono affrontare pure rincari fino al 50% per il gasolio. Inoltre l’impennata del costo del gas, utilizzato nella produzione dei fertilizzanti, ha fatto più che raddoppiare i prezzi dei concimi.