Quotidiano Nazionale logo
4 mar 2022

Ferito dai ladri, il coma, la morte: Francesco ha lottato per 5 anni

Intervenuto per sventare un furto nell’abitazione del padre a Ghedi, trafitto da un fendente alla testa. Responsabili mai trovati

milla prandelli
Cronaca
Francesco Scalvini ,Ghedi rapina violenta in abitazione , 24 gennaio 2017. Ph Fotolive Alessio Guitti
Francesco Scalvini

Ghedi (Brescia) - Non ce l’ha fatta. Nonostante la forte tempra fisica, cinque anni dopo essere stato colpito alla testa con un punteruolo ha dovuto cedere. Nelle scorse ore, nella Rsa San Pietro di Castiglione delle Stiviere è morto Francesco Scalvini, l’ex elettricista bresciano 41enne ferito da un colpo di punteruolo alla testa mentre cercava di fermare dei rapinatori che si erano introdotti nella casa di suo padre, a Ghedi (Brescia). Era la sera del 23 gennaio 2017. Francesco era stato avvisato dal fratello che in casa di papà Giancarlo c’erano i ladri, da casa sua era corso verso l’abitazione del padre che dalla sua distava circa un isolato. Arrivato, aveva incrociato la banda che usciva dall’edificio. Avrebbe cercato di fermare il gruppo, composto da tre persone. Una colluttazione fulminea. L’unica certezza è che papà Giancarlo è stato picchiato e che, in particolare ha preso un pugno in faccia, mentre Francesco è rimasto a terra con l’arnese conficcato in una tempia."Mio figlio ha tentato di difendermi" aveva raccontato il padre ai cronisti. Da quel giorno Francesco non ha mai più riaperto gli occhi, nonostante tutti gli sforzi fatti dai medici e dagli infermieri e nonostante l’amorevole presenza della moglie, del padre, del fratello e di tanti parenti. Prima il ghedese è stato ricoverato in Ospedale, alla Clinica Poliambulanza di Brescia, dove è stato sottoposto a un delicato intervento che non ha avuto l’esito sperato. Francesco non si è più risvegliato. Dopo mesi di ricovero è stato trasferito a Castiglione delle Stiviere, dove ogni giorno riceveva le visite dei famigliari, che non lo hanno mai visto migliorare. Non ha mai ripreso lucidità, anche se gli veniva fatto fare ginnastica e le persone a lui care gli parlavano in continuazione. La moglie ha sempre difeso strenuamente la privacy della famiglia, nella speranza, un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?